A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show è intervenuto Gianmichele Gentile, legale SS Lazio:

“La corte d’Appello ha ridotto in modo drastico le sanzioni, passando per Lotito da 11 a 2 mesi. Si tratta di una vittoria per la Lazio, al di là di quella che sarà la presentazione della prosecuzione della carriera di consigliere federale di Claudio Lotito. Il punto importante è quello di aver ridimensionato un episodio dipinto a tinte fosche e che sia inquadrato in una situazione di confusione iniziale sulla questione Covid, sia normativa che dal punto di vista scientifico.

Gazzetta? Non voglio parlarne, abbiamo già detto molto in sede giudiziaria. Quella della Gazzetta la considero una pessima qualità di fare giornalismo. È vero che un giornalista esprime opinioni, commenti, ma quello che ha fatto la Gazzetta non lo fa nemmeno un pubblico ministero. La procura ha portato anche una testimonianza raccolta da Gazzetta: un atteggiamento che non ci è piaciuto, con toni che abbiamo portato in Tribunale.

Parole di Gravina su Lotito? Non mi occupo di queste strumentalizzazioni, ho detto in sede giudiziaria quello che penso di certi atteggiamenti. Qualcuno vuol fare fuori Lotito? Ho letto che molte persone lo hanno scritto, per cancellare il suo posto dal Consiglio Federale. Gravina non poteva cacciarlo neppure la scorsa volta.

Salernitana? C’è un provvedimento della Federcalcio che stabilisce la cura da parte del trust e l’obbligo di vendere entro il 31 dicembre. Se al 31/12 nessuno ha chiesto di acquistare la Salernitana, la squadra viene cancellata dal campionato e deve ricominciare dai dilettanti. Lotito vuole che venga ceduta, perde soldi. Il termine può essere prorogato di 3 mesi se c’è un preliminare di vendita. Offerte? Non so nulla, siamo isolati dal trustee. Il generale Marchetti non parla con Lotito: non può e non deve farlo”.