• Tempo di lettura:3Minuti

Il match della domenica sera si gioca allo Stadio Marassi con il Genoa che incontra la Roma: Shevchenko è alla sua prima partita da allenatore dei rossoblu. La squadra di Mourinho deve rialzare assolutamente la testa dopo la sconfitta pesante subita a Venezia: il portoghese deve fare i conti con i positivi al Covid-19 e farà a meno di Cristante e Villar. Fortunatamente tornerà in campo Pellegrini. Con la vittoria, i giallorossi possono superare il blocco Lazio-Juventus-Fiorentina che si trovano a 21 punti, una lunghezza sopra. I genoani invece hanno bisogno dei tre punti per provare ad allontanarsi dal terzultimo posto, approfittando anche della sconfitta subita dallo Spezia in casa dell’Atalanta.

Genoa-Roma, l’analisi del primo tempo

L’arbitro dell’incontro è Irrati che fischia l’inizio alle 20:45 e la partita sembra molto equilibrata almeno nei primi 15 minuti fino a quando Mkhitaryan ha concluso direttamente in porta col sinistro ma sulla traiettoria c’è la mano di Abraham. Irrati annulla subito la rete e conferma dopo il check del Var. I giallorossi continuano a giocare in avanti, creando anche qualche occasione da gol ma il Genoa non demorde e spinge sempre in avanti. Al 28′ la Roma va vicinissima al gol del vantaggio con Shomurodov: El Shaarawy lo serve solo in area ma col piattone da centro area manda alto sopra la traversa. Il bilancio alla fine dei primi 45 minuti è un dominio della Roma che però risulta debole visto il risultato: i giallorossi hanno tirato nello specchio per ben 5 volte mentre i rossoblu solo una volta.

Il secondo tempo del match

Tornati dagli spogliatoi, il secondo tempo inizia come il primo, con la Roma che va a trazione interiore verso la porta di Sirigu. I giallorossi insistono e al 60′ Pellegrini va con un cross sulla destra ma la palla torna indietro poi Karsdorp prova palla al piede ma il cross va in angolo. I ragazzi di Mourinho continuano a spingere inesorabilmente in avanti ma a fare la differenza sono i cambi. Il portoghese infatti decide di far entrare Felix al posto di Shomurodov e a più di cinque minuti dalla sua entrata, regala il vantaggio alla Roma.

All’81’ Mkhitaryan si fa mezzo campo da solo con palla al piede e fornisce una palla d’oro al classe 2003 che non fallisce col destro. Dopo il gol, il ragazzo corre in panchina ad abbracciare Mourinho e insieme a loro si aggiunge tutta la squadra. Il Genoa non riesce a reagire anche se Sheva butta tutti in avanti per cercare il gol dell’1-1. Non contenta, la Roma prova ancora ad andare in avanti e Felix è decisamente in giornata: il numero 64 tira la palla verso Sirigu e il suo siluro si va a piazzare proprio sotto l’incrocio. Primi due gol per il diciottenne in Serie A, alla terza presenza in campionato.

La classifica e i prossimi impegni

Con questa vittoria, la Roma riesce a guadagnare un bel posto in classifica perché sale a 22 punti e sorpassa Lazio, Fiorentina e Juventus, accorciando le distanze dall’Atalanta che al momento è quarta. Il sornione Genoa invece rimane a quota 9. Il prossimo appuntamento giallorosso sarà la gara casalinga contro il Torino mentre i rossoblu saranno ospiti dell’Udinese.