• Tempo di lettura:2Minuti

Alessio Dionisi e il Sassuolo saranno di fronte ad una Lazio arrabbiata per la sconfitta nel derby della scorsa giornata di Serie A. La squadra biancoceleste farà di tutto per battere il Sassuolo per riprendere nuovamente la strada che porta all’Europa. Non sarà facile dato che i neroverdi sono un club molto forte che si esalta contro le big. L’allenatore del Sassuolo, come ha riportato TuttoSport ha presentato la gara contro la Lazio che si terrà sabato 2 aprile alle ore 18.00 allo Stadio Olimpico: la gara con la Lazio non sarà facile. Hanno tutti a disposizione, forse mancheranno solo Pedro e Luiz Felipe. Arrivano dal derby perso e senza dubbio vorranno riscattarsi, senza pensare all’incognita del dopo-sosta. Dovremo dimostrare di voler ripartire da dove abbiamo concluso e cioè dalla vittoria con lo Spezia. La rifinitura di domani sarà importante, solo oggi eravamo tutti insieme. Chi è rimasto qui ha potuto prepararsi bene, mentre chi era Nazionale può essere tornato più o meno carico. Berardi? Oggi si è allenato a parte e domani valuterò la sua situazione. Il finale di stagione è sempre particolare, sappiamo che le gare che affronteremo saranno importanti. La Lazio è sicuramente più forte di noi, ma dobbiamo fare più punti possibili e migliorare quanto fatto nel girone di andata”.

Foto profilo Twitter Fútbol Italiano

Dionisi ha parlato della vittoria dell’ambito premio Panchina d’Argento: “ringrazio chi mi ha dato la possibilità di ottenere questo premio: dovrebbe essere dato a tutta la squadra e lo staff. Ringrazio i colleghi e spero di onorare questa possibilità”. Infine l’allenatore del Sassuolo ha analizzato le prestazioni di Domenico Berardi: “tutti hanno grandi aspettative su Berardi, gran parte delle occasioni della gara di martedì sono state create da lui e va elogiato: in una gara secca possono accadere tante cose e lui rimane di assoluto livello. Si tratta del terzo giocatore che a 27 anni ha raggiunto i 100 gol in Serie A: bisognerebbe fare valutazioni anche diverse prima di dare giudizi”.