• Tempo di lettura:1Minuto

Il Bologna è caduto a Venezia, perdendo la possibilità di raggiungere il suo record di partite senza sconfitte ma per Mihajlovic le colpe sono difficilmente attribuibili alla sua squadra, penalizzata da un rigore inesistente fischiato ai lagunari. Il serbo è una furia:

“Se fischi un penalty così, ne devi dare 20 a partita e la cosa non mi convince. L’arbitraggio era stato buono fino a quel momento, aveva lasciato correre tanti mezzi falli. Un rigore così però non riesco a capirlo. Medel tocca la palla, forse poi sfiora il piede ma lui cade dopo un metro e mezzo. Se il Var ti chiama vuol dire che forse hai sbagliato no? Marinelli invece ha confermato la decisione.”

Il tecnico del Bologna attacca pesantemente Marinelli, reo di non aver fornito spiegazioni a fine gara:

“A fine gara è scappato negli spogliatoi, evidentemente aveva la coscienza sporca. Abbiamo perso per colpa nostra ma quel rigore ci ha tagliato le gambe, siamo andati fuori con la testa dal match. A Roma c’era una trattenuta netta su Orsolini e hanno dato fallo di mano contro di noi. Succede quasi sempre a noi, a parti invertite mai”.