• Tempo di lettura:2Minuti

L’Inter sta perdendo partite che sulla carta avrebbe vinto agevolmente l’anno scorso. I giocatori interisti sembrano non aver quella cattiveria giusta per poter proseguire le partite o condurre i match verso la vittoria. Contro l’Udinese la squadra di Inzaghi è apparsa impaurita e appesantita, e di conseguenza il 3-1 subito è il frutto di questi problemi.

Foto Twitter account Inter

Giuseppe Bergomi, storico difensore dell’Inter, ha analizzato ai microfoni di Radio Neroazzurra, come ha riportato L’Interista, lo stato di forma della squadra allenata da Simone Inzaghi: “Quando hai un allenatore forte alla fine vinci, penso agli allenatori che l’Inter ha avuto nell’ultimo periodo. Nella mia Inter il leader era Matthaus, ma anche Simeone. In questa squadra non siamo mai riusciti a reagire nel modo giusto, lì ci vogliono dei giocatori di personalità e carisma. Da dentro non li conosco, ma sicuramente da fuori posso dire che qualcosa manca. Non so come Inzaghi abbia impostato la preparazione, ma quello che manca è la voglia di andare a fine allenamento a migliorarsi, di fare sempre qualcosa in più, che deve andare oltre la preparazione. Poi sicuramente la squadra non corre, non so il tipo di preparazione e non mi va di giudicare, ma con le conoscenze che ci sono oggi non puoi sbagliare la preparazione”.

Bergomi, attuale commentatore sportivo ha poi parlato dello stato della mancata cessione da parte dell’Inter e su quanto abbia influito sui giocatori: “Credo tanto, avere un punto di riferimento nella proprietà è importante, questi ragazzi sono giovani e può aver inciso nel rendimento. Si può recuperare, ma serve ritrovare entusiasmo anche nei tifosi. Allo stadio vanno in tanti, ma vanno a guardare la partita e non a tifare. Tutti insieme se ne può venire fuori”.

Seguici anche su Instagram!