Cristiano Gatti, giornalista e scrittore, è intervenuto a Tutti Convocati proferendo queste parole: “Non mi importa nulla se non avremo un trofeo in bacheca, a me di questo periodo importa conservare in testa l’immagine di una squadra bellissima che ci ha fatto divertire e dannare“.

Effettivamente l’Atalanta di Gasperini non ha ancora inciso il proprio nome su un albo d’oro di qualsiasi trofeo. A maggio avrà l’occasione di misurarsi con la Juve per provare a vincere la Coppa Italia. Impresa chiaramente molto difficile, vista la forza dei bianconeri a livello nazionale.

Squadre come Lazio o Napoli, gran belle realtà di gestione e conti a posto, hanno vinto trofei nell’ultimissimo periodo. Ma a livello di emozioni regalate non c’è stato paragone. Oltre ad avere i conti in ordine come le suddette squadre, l’Atalanta esprime un calcio straordinario, decisamente il più bello e frizzante in Italia.

Gli Orobici si apprestano ad affrontare il Real Madrid, la squadra regina della Coppa Campioni, che parte certamente favorita. Solo cinque anni fa, in molti avrebbero riso alla sola idea di vedere contrapposte queste due squadre in un ottavo di finale. Le Merengues sono favorite per mentalità e blasone, ma a livello di gioco e forma del momento la banda di Gasp è messa molto bene. Se riuscirà a combinare quel sacro fuoco, quella mentalità e quell’attenzione in fase difensiva, l’Atalanta potrà giocarsi la qualificazione contro uno dei giganti europei.

Due passaggi consecutivi agli ottavi di Champions sono un traguardo pazzesco per una squadra che solo pochi anni fa veniva definita una provinciale. Anche quest’anno gli Orobici sono in piena lotta Champions. I ragazzi di Gasp hanno punti in meno a causa della querelle Papu Gomez, che ha sicuramente influito. Intanto l’Atalanta è in corsa per tre competizioni. Il gioco è sempre bello ed efficace, nonostante cambino gli interpreti.

Non possiamo sapere se quest’anno arriverà il tanto agognato trofeo. Quanto realizzato in questi anni da Gasperini, dalla dirigenza è dai calciatori è già un successo pazzesco. Un successo che va al di là di una fredda Coppa Italia. L’Atalanta ha tracciato una strada e si è insediata tra le big italiane grazie a un progetto ponderato e non frutto del caso.