• Tempo di lettura:2Minuti

L’Atalanta anche dopo il flop della scorsa stagione è una realtà che molte squadre devono comprendere. In pochi anni la squadra bergamasca è passata da club in lotta per la salvezza a possibile outsider per un posto in Champions League. Una evoluzione molto importante questa che ha avuto l’Atalanta ed è tutto merito di una dirigenza all’altezza che lavora sotto stretto contatto con l’allenatore. All’evento dell’Accademia dello Sport per la Solidarietà alla Cittadella dello Sport, il presidente dell’Atalanta, Antonio Percassi, ha parlato, come ha riportato L’Eco di Bergamo e da TuttoAtalanta, dei meriti del figlio per il salto di qualità avuto dall’Atalanta: “merito di mio figlio Luca se il club è arrivato a questi livelli, dodici anni fa prima del nostro arrivo la situazione strutturale era un disastro. Oggi ci sono nuovi progetti di ampliamento perché la professionalità dev’essere sempre più alta. È fondamentale poter contare, in primis, su una struttura forte così come devono essere tali dirigenti, allenatori e giocatori”. La squadra sotto la gestione di Luca Percassi ha raggiunto vette impressionati come l’accesso quasi alla semifinale (battuta ai quarti per 1-2 dal Paris Saint Germain nella stagione 2020) e dal triplo terzo posto fra il 2018 e il 2021). Un balzo importante per l’Atalanta che ha saputo gestire un gruppo quasi sempre alla perfezione.