• Tempo di lettura:2Minuti

La Juve è in attesa di sapere se potrà disputare l’amichevole contro l’Atletico Madrid prevista per il 7 agosto a Tel Aviv. Una partita senza nulla in palio in un territorio che sta subendo un escalation bellica che, soltanto nelle ultime ore, ha portato a 30 raid aerei, 160 missili caduti nella striscia di Gaza e 11 morti. Uno scenario in cui una gara amichevole, nonostante le rassicurazioni del governo israeliano, stona terribilmente.

A maggior ragione dopo le minacce della Jihad che ha promesso attentati, come ritorsione per i continui attacchi di Israele a Gaza. Dani Benaim, amministratore delegato della Comtech, società che ha organizzato l’evento, sta studiando la situazione per verificarne la fattibilità alla luce degli ultimi accadimenti: “La questione è al vaglio di tutte le parti e gruppi. Nel frattempo, non ci sono cambiamenti“.

Dalla Spagna intanto arrivano, sempre più insistenti, notizie di un possibile annullamento. Mundo Deportivo ha parlato apertamente di un “rischio cancellazione” anche per salvaguardare l’incolumità delle due squadre che, di fatto, si affronteranno a pochi chilometri da una guerra e in condizioni di rischio notevole. La Juve non ha preso posizione, come del resto l’Atletico Madrid, ma il volo previsto da Caselle nel pomeriggio di sabato con destinazione Tel Aviv ancora non è stato cancellato.

Seguici anche su Twitter e Instagram!