• Tempo di lettura:2Minuti

Un derby combattuto dal primo minuto quello fra Roma e Lazio. La punta inglese ha però deciso un match così importante.

Un solo punto separa le due squadre prima del Derby della Capitale. Questo match è determinante non solo come derby a sé stante, ma anche per l’accesso all’Europa League. Con questo spirito Roma e Lazio entrano in campo desiderose di vincere.

Lazio– Il furore laziale si spegne però subito di fronte al primo gol di Abraham, che impiega 54 secondi dall’inizio del match per segnare. I Biancocelesti, seppur non abbassando mai la testa, non trovano il pareggio e difensivamente lasciano parecchi buchi. I già pochi tentativi si scontrano contro la solida difesa della Roma. Pochissime le occasioni create, così come i tiri. Non c’è gioco, non c’è giro palla, Sarri deve rimettere a posto i suoi giocatori.

Roma– Di contro i Giallorossi sono superiori in praticamente tutto. Occasioni pericolose, tiri, un gioco migliore e più cinico. Ma soprattutto dopo appena 25 minuti una doppietta di Tammy Abraham decide il match. Insomma, un vantaggio meritato che Mourinho però non si vuole tenere stretto, ma anzi vuole allungare. Come nel caso dell’azzardo, giusto, di Pellegrini nel tentare il gol su punizione dai 20 metri. Questa squadra non è solo forte per il gioco corale, ma anche per la qualità dei singoli.

Secondo tempo– Nella seconda frazione la Lazio entra con tutt’altro atteggiamento. Molto più propositiva la squadra di Sarri, che cerca una miracolosa rimonta. Ma la difensa dei Giallorossi, che dalla loro possono poggiare su un solido risultato, tiene botta. E per quanto la Roma stia più sulla difensiva, spreca il gol del 4-0 con Abraham. Il risultato però rimane lo stesso di quello di fine primo tempo, 3-0 per Mourinho e i suoi uomini.

Conclusione– Svegliarsi dopo 45 minuti è stato un suicidio per la Lazio, anche perché, pur attaccando, non è riuscita a segnare un singolo gol. Buona la Roma, che nel primo tempo ha mostrato un gioco offensivo e cinico, mentre nel secondo si è potuta adagiare sulla sicurezza del loro 3-0. Questo risultato porta i Giallorossi al quinto posto, in Europa League. I Biancocelesti sono ora sesti, ma il loro è minato da un’Atalanta con due partite in meno.