Il croato a un passo dal salutare per sempre i nerazzurri?

Un matrimonio da sempre un po’ complicato quello tra l’Inter e Perisic, fatto di tanto amore, di qualche incomprensione, di un addio e infine di un ritorno. Un matrimonio che a fine stagione potrebbe anche concludersi, stavolta definitivamente. Prima di spiegarvi come mai il croato potrebbe andarsene e non tornare più, ripercorriamo insieme la sua parentesi professionale con la maglia del Biscione. Accennavamo prima al fatto che il rapporto tra l’Inter e Perisic è sempre stato un po’ complicato, perché se è vero che dall’agosto 2015 fino all’annata 2017-2018 compresa è stato tutto rose e fiori tra le parti, soprattutto perché Ivan non solo segnava ma faceva anche segnare i compagni, è anche vero che a partire dalla stagione 2018-2019 qualcosa è cambiato.

In pratica a cambiare è stato il suo rendimento troppo al di sotto delle sue potenzialità, che ha convinto Conte a tagliarlo perché non funzionale al 3-5-2. Nel 2019, come sappiamo, Perisic lascia l’Inter per vincere il Triplete con il Bayern Monaco. Dopo questo grandissimo successo eccolo ritornare a Milano ed eccolo, un po’ a sorpresa, rientrare nei piani di Conte, che lo riadatta nel nuovo ruolo di “ala a tutto campo”. Oggi, dopo che il tecnico leccese ha deciso di lasciare, il croato è ancora pronto a mettersi in gioco dando il massimo per la causa di Inzaghi. Dunque vissero tutti felici e contenti? Purtroppo no, perché la storia tra Ivan il Terribile e la Beneamata potrebbe avere un epilogo inaspettato.

Il suo ideale sostituto

Durante questi anni nerazzurri Perisic sulla fascia sinistra ha dato tutto quello che aveva, e vista anche la sua non più giovanissima età la dirigenza starebbe pensando di privarsene definitivamente. Ovviamente se sarà addio sarà a fine stagione e non certo a gennaio, considerando che il suo sostituto ideale non approderebbe sul pianeta Inter a campionato in corso. Il croato è talmente importante che il suo club di appartenenza non lo lascerebbe partire prima di fine maggio, soprattutto adesso che ha deciso di attivare la clausola per il rinnovo del suo contratto fino al 2024. Se mai e poi mai dovesse partire sarebbe di fronte a 35 milioni cash versati in estate dal Biscione.

Se con il nostro vorticoso giro di parole vi siete un po’ persi, sappiate che il sostituto ideale di Perisic è il gioiellino dell’Atalanta Gosens, un’ala molto veloce in grado di saltare l’uomo come pochi altri. Il tedesco a Euro 2020 è cresciuto tantissimo, mettendo in pratica nel migliore dei modi possibili gli insegnamenti di mister Gasperini relativi a come gestire la fase difensiva. Insomma, stiamo parlando di un calciatore oggi versatile e completo, in grado di esaltare i tifosi pronti a tornare allo stadio solo per vederlo. Esageriamo? Forse, ma dopo la perdita di Hakimi il popolo interista ha bisogno di rifarsi gli occhi, soprattutto ora che l’erede Dumfries deve crescere, almeno per quanto riguarda lo stare in campo, e chi meglio del 27enne nativo di Emmerich am Rhein potrebbe riuscire in questo? Domanda retorica. Il problema sarà convincere la Dea a lasciarlo partire, perché il calciatore è funzionale al progetto di lungo corso che ha in mente Gasperini. Tuttavia forse un modo c’è.

All’Atalanta nessuno è incedibile!


by Pixabay

L’unico modo per convincere l’Atalanta a dare il ben servito al tedesco è quello di ricoprirla di contanti; solo così facendo è possibile dialogare con questo club ormai divenuto una realtà calcistica di assoluto livello. Con 35/40 milioni l’affare si farebbe quasi sicuramente, e Perisic potrebbe andarsene non si sa ancora verso quale destinazione. I bergamaschi difficilmente accetterebbero contropartite tecniche indispensabili per abbassare il prezzo del cartellino di Gosens, dunque se l’Inter vorrà veramente l’esterno dovrà prima di tutto avere i conti in ordine e poi insistere o su un prestito con diritto di riscatto o su pagamenti dilazionati nel tempo. Considerando quanto oggi sia difficile per i nerazzurri di Milano aprire con leggerezza i cordoni della borsa, crediamo che queste due opzioni siano le uniche percorribili per rifare il look della fascia sinistra. Caro Perisic, non prevediamo ancora il futuro ma crediamo che questa stagione sarà per te l’ultima stagione con la maglia dell’Inter!