• Tempo di lettura:2Minuti

Emerson Palmieri non sarà un calciatore del Napoli. La facile riuscita della trattativa è stata venduta da qualche facilone, ma era un’operazione complicata.

Basti pensare che gli ingaggi di Ghoulam e Mario Rui, bonus compresi, incidono per circa 9 milioni di euro lordi. A meno di due settimane dalla fine del calciomercato, gli azzurri non sono riusciti a liberarsi di nessuno dei due.

Come riporta Walter Vitale, il Napoli ha provato ad acquistare Emerson a inizio mercato. Infatti aveva accettato l’offerta da 6 milioni del Galatasaray per Rui. Nel momento in cui il portoghese ha rifiutato i turchi, per il Napoli c’era solo una possibilità per arrivare ad Emerson: prestito gratuito e Chelsea che paga tutto lo stipendio.

È probabile che un terzino arrivi in prestito o dall’Olanda o dalla Francia. Oggi le casse del Napoli queste sono, questo si può permettere. Senza la pandemia e con la Champions, gli Azzurri avrebbero potuto fare investimenti di questo tipo. Eppure sarebbe rimasta la spada di Damocle dei terzini con stipendi alti.

Basti pensare che il monte ingaggi della forza lavoro della società partenopea è di 156 milioni. Il fatturato strutturale è inferiore. Per poter effettuare altri colpi, è di vitale importanza cedere qualcuno. L’addio di Manolas può consentire qualche operazione, ma il problema monte ingaggi resterebbe. Lo stesso ADL ha dichiarato qualche settimana fa che sarebbe necessario liberarsi di più di un calciatore dall’ingaggio alto.

Venendo al discorso riserve, utilizzato da qualcuno per criticare il Napoli per il mancato acquisto di Emerson, possiamo asserire che la situazione patrimoniale è ben diversa da quella finanziaria. Per due anni consecutivi gli Azzurri non sono andati in Champions. In più c’è la pandemia. Il bilancio farà registrare un nuovo passivo e i costi sono alti.

Vero che per Emerson c’è il Decreto Crescita, ma l’italo-brasiliano avrebbe chiesto un ingaggio alto. Un ingaggio che, pur usufruendo di questa legge, avrebbe inciso al lordo per 4-5 milioni. Sarebbe quindi stata una follia elargire a tre terzini sinistri circa 13 milioni lordi. Tra l’altro senza garanzie di cessione di Mario Rui e Ghoulam.