• Tempo di lettura:2Minuti

A ridosso dell’ultima sosta nazionali, il Napoli si ritrova al secondo posto in campionato, con 10 punti di vantaggio sulla quinta e ai quarti di Europa League.

L’Europa League toglie tuttavia energie importanti, essendo una competizione massacrante, che si gioca di giovedì e vede le partite successive di campionato giocarsi invece a una distanza di meno di 72 ore. Il vantaggio sul quinto posto è importante e non dovrebbero esserci sorprese, ma il Napoli deve comunque fare i punti che servono (5 vittorie e qualche pareggio.

Napoli che si ritrova a giocare con un centrocampo ridotto all’osso, soprattutto alla luce dell’infortunio di Diawara (frattura al piede) che rischia di aver concluso in anticipo la stagione del guineano.

Quanto sarebbe servito oggi Rog?

La domanda, qualche mese dopo il mercato di gennaio, è assolutamente lecita e di attualità. Ancelotti, scopre, con l’infortunio di Diawara, di avere la coperta assai corta a centrocampo dopo la doppia partenza di Rog ed Hamsik. In quel di gennaio-febbraio, il Napoli con troppa facilità ha lasciato andare via i due, senza pensare di sostituirli ed adesso, in vista della doppia sfida all’Arsenal la coperta diventa assai corta.

Altra cosa, invece, sono gli infortuni muscolari capitati ad Insigne e Chiriches che, con ogni probabilità, saranno costretti a saltare le gare precedenti alla supersfida con i Gunners. Il recupero di Insigne è altamente probabile, mentre per Chiriches ci vorrà più tempo.

Tra infortuni “strategici”, urne incredibili e legni in continuazione, il Napoli sembra avere un conto apertissimo con la dea bendata e spera, al più presto, di passare alla cassa RISCOSSIONE!

 

Walter Vitale