• Tempo di lettura:3Minuti

Il Toro esce sconfitto per 2-1 dal confronto con il Cagliari dell’ex tecnico Mazzarri al termine di un match in cui avrebbe sicuramente meritato almeno il pareggio. Tante occasioni da gol create, ma anche tanta fatica a superare il muro difensivo del Cagliari. Il Torino ha faticato a produrre gioco contro una formazione organizzata, chiusa che non ha concesso spazi come la squadra isolana. E’ mancata la precisione nell’ultimo passaggio e il cinismo in area di rigore. Buon per il Cagliari che ha capitalizzato al massimo le poche occasioni da gol create giocando compatto, attento dietro e di rimessa. Toro che resta fermo a 33 punti, balzo in classifica del Cagliari che sale a 25 punti.

Nel Torino trio difensivo confermato con Djidji, Bremer e Rodriguez dal 1′ minuto. C’è Ansaldi al posto di Singo e Pobega arretra in mediana in coppia con Sasa Lukic. In attacco il Gallo Belotti, supportato sulla trequarti da Pjaca e Brekalo. 3-5-2 per Mazzarri con Altare titolare in difesa accanto a Goldaniga e Lovato. Bellanova, Grassi, Marin, Deiola e Dalbert a centrocampo con Pereito e Joao Pedro in avanti. Parte molto aggressivo il Cagliari con Milinkovic-Savic che deve respingere una doppia conclusione prima di Grassi con una conclusione da fuori area e poi al tentativo di testa di Joao Pedro. Risponde il Toro con Bremer che dagli sviluppi di un calcio di punizione impatta bene in area trovando la bella respinta di Cragno. Cagliari compatto e molto chiuso dietro con frequenti raddoppi di marcatura, Toro che cerca la profondità con Pjaca e Brekalo che provano ad allungare la squadra sarda. Bella conclusione di sinistro da fuori area di Belotti che impegna Cragno. Tanti duelli individuali in mezzo al campo e gioco spezzettato dai continui falli. Al 21′ dormita della difesa del Toro che subisce il gol del Cagliari. Da rimessa laterale, inserimento di Grassi che serve Bellanova che sfugge ad Ansaldi e appoggia comodamente in rete. Prova a reagire la squadra di Juric con una bella azione di Brekalo che serve Vojvoda sulla fascia destra: cross per Belotti anticipato di un soffio da Cragno. Poco dopo Brekalo direttamente su punizione trova la risposta in angolo di Cragno. Il Toro prova a velocizzare il gioco e alzare l’intensità riuscendo ad innescare meglio i trequartisti tra le linee. Al 38′ il Toro va vicinissimo al pareggio con Pjaca che impatta benissimo un cross di Brekalo trovando ancora un Cragno in giornata di grazia aiutato anche dalla traversa. Ultimi minuti del primo tempo con il Toro in pressione e Cagliari rinchiuso nella propria meta campo. Grande conclusione di Pobega col mancino dal limite dell’area e palla che esce di un soffio.

Secondo tempo che si apre col Toro in pressione e al 53′ trova il pareggio con il Gallo Belotti. Punizione calciata da Brekalo, palla che arriva Belotti defilato sulla sinistra che trafigge Cragno. Mazzarri toglie Pereiro per Pavoletti. Toro che soffre le ripartenze del Cagliari che puntualmente punisce la squadra granata con Deiola che su cross di Bellanova calcia dal limite dell’area trovando il gol del 2-1: praticamente due tiri del Cagliari e due gol. Risponde il Toro con il solito Belotti che sul taglio di Pobega ‘strozza’ di sinistro il tiro facilmente parato da Cragno. Doppio cambio per Juric: dentro Sanabria e Singo, fuori Brekalo e Vojvoda. Occasione Cagliari con Goldaniga che a pochi passi dalla porta tira trovando la buona risposta di Savic. Juric sostituisce uno stremato Belotti con Pellegri, Lukic con Ricci e Pjaca con Demba Seck. Finale confusionario con un Toro incapace di rendersi pericoloso. Finisce 1-2 per il Cagliari.