Il Palmeiras, noto anche come Palestra Italia, ha conquistato la Libertadores, sconfiggendo il Santos all’ultimo respiro.

Il gol di Breno Lopes (al minuto 98’29”) è quello segnato più tardi nella storia della Copa Libertadores nei tempi regolamentari. Il gol è arrivato circa 4 minuti dopo l’espulsione del tecnico del Santos Cuca a seguito di un alterco con i calciatori del Palmeiras.

Breno Lopes con i figli

Oltre al centrocampista brasiliano, l’eroe della serata è il tecnico portoghese Abel Ferreira. Quest’ultimo ha recentemente dichiarato: “Per me, il futuro del calcio è questo gioco del gatto e del topo all’interno della stessa partita: adattarsi ai cambiamenti tattici, reagire all’avversario”.

L’altro tecnico, Cuca, è uscito dal campo pochi secondi prima del gol decisivo. Come Sarri in un Napoli-Torino, è andato vicino ai tifosi ed è stato acclamatissimo. In questo caso, l’allenatore del Santos è stato addirittura accolto tra gli stessi tifosi.

Il Maracanã ha ospitato la prima finale paulista della storia della Libertadores. Breno Lopes è stato l’eroe improbabile. Lui che lo scorso anno neanche giocava in prima divisione. Il suo valore di mercato è di appena 300.000 euro. L’esterno offensivo ha avuto un’infanzia difficile e ha dovuto superare una depressione. Stasera è stato l’eroe improbabile del Verdao. Titolo anche per Felipe Melo, che a 38 anni ha vinto la competizione più importante della sua carriera.

Il migliore in campo è stato Matías Viña, terzino sinistro uruguaiano, classe ’97, decisamente pronto per l’Europa.

Il Palmeiras ha ricevuto 82 milioni di reais brasiliani (circa 12,5 milioni di euro) per la vittoria della Libertadores.

Queste le formazioni delle due squadre.

PALMEIRAS: Weverton; Marcos Rocha, Luan, Gustavo Gómez e Matías Viña; Danilo, Zé Rafael, Gabriel Menino (Breno Lopes) e Raphael Veiga (Alan Empereur); Rony (Felipe Melo), Luiz Adriano. Allenatore: Abel Ferreira

SANTOS: John; Pará (Bruno Marques), Luan Peres, Lucas Veríssimo e Felipe Jonatan (Wellington); Alison, Diego Pituca e Sandry; Soteldo, Marinho e Kaio Jorge (Madson). Allenatore: Cuca