La top 5 degli investimenti in Italia

Questo interessante prospetto mostra la top 5 degli investimenti delle società italiane nell’ultimo decennio.

Come investimenti, ci si riferisce alle iniezioni di capitale. Come noto, Suning ha iniettato soldi per fare fronte ai debiti pregressi, così pure Elliott e Pallotta.

La situazione dell’Inter è migliorata notevolmente, in quanto questo investimenti a titolo di iniezione di capitale hanno permesso di espandere il brand e attrarre nuovi sponsor. L’indebitamento netto, presente in tutti i club, ha spesso portato ad equivocare la situazione economica nerazzurra. Il concetto corrisponde a quello di posizione finanziaria netta, come spiegato a più riprese.

Exor ha iniettato 268 milioni, cifra non elevatissima, mentre il fatturato della Juve è schizzato. Il bilancio era già florido e non c’è stata necessità di grossi investimenti di capitale. La società bianconera ha anch’essa lavorato bene in termini di brand e gli introiti dai diritti TV, quelli commerciali e da stadio la stanno facendo camminare da sola.

La situazione Elliott è più complessa, come abbiamo spiegato in separata sede. Il fondo USA ha coperto il passivo lasciato dalle gestioni precedenti. Il Milan deve però aumentare il fatturato, a prescindere dagli investimenti in termini di iniezioni di capitale, per poter poi ambire a traguardi importanti.

Pallotta ha immesso tanti soldi nella Roma dal suo insediamento, riuscendo comunque ad aumentare il fatturato. Adesso, con il passaggio a Friedkin, il patron statunitense otterrà un guadagno che gli farà recuperare abbondantemente gli investimenti.

Fuori dalla top 5 il Napoli e il motivo è semplice. Acquistata nel 2004 da De Laurentiis, la società partenopea ha camminato da sola, arrivando spesso in Champions grazie a scelte azzeccate e vivendo dei diritti TV e degli introiti Champions. Discorso in parte diverso per quanto riguarda la Lazio, che negli ultimi 10 anni non ha giocato la Champions, ma Lotito non ha finora mai alzato l’asticella e ha optato per non effettuare investimenti come iniezioni di capitale.

Notevoli invece gli investimenti di Saputo nel Bologna. Il tycoon italo-canadese ha effettuato due iniezioni di capitale contestualmente all’acquisizione. Come si legge dalla nota, il Bologna ha “beneficiato di versamenti in c/capitale da parte della Controllante BFC 1909 Lux SPV Sa”. Nel 2020 ci sarà bisogno di altri investimenti di questo tipo. Il report mostra che Saputo ha iniettato 142 milioni ma, stando agli ultimi dati, la somma è aumentata fino a 151,6 milioni di euro.

Banner 300 x 250 – Aragon Trasporti – Post
Potrebbe piacerti anche