• Tempo di lettura:2Minuti

Credevamo che la Roma quest’anno ci avesse già fatto vedere tutto il peggio, ma evidentemente ci sbagliavamo. Oggi è stata capace di compiere un’impresa negativa come poche nella storia della serie A, ovvero farsi recuperare due gol da una squadra inferiore, che era stata ridotta in dieci e ha poi finito in nove.

Tempo fa avevamo posto l’accento sui problemi psicologici di questa Roma, che aveva perso punti in maniera ridicola contro le piccole. Qualcuno ha osato asserire che la mentalità ai giallorossi non mancava, ma i fatti smentiscono ogni avvocato difensore.

Di Francesco ha anche lui posto l’accento su questi problemi, ma in questi casi sta al tecnico tenere solido l’ambiente e fare sì che la situazione non degeneri. Situazione che invece sta degenerando e il campionato della Roma sta assumendo contenuti sempre più grotteschi. Le cessioni di Alisson, Strootman o Nainggolan sono solo una parziale spiegazione, visto che con i giocatori a dispozione non sarebbe stato arduo battere avversari di caratura ben inferiore.

Manolas, pilastro della difesa per poco meno di un’ora, è crollato come se fossero emerse le crepe dell’umidità. E il suo sbandamento ha trascinato anche un pessimo Fazio, quest’anno assolutamente irriconoscibile. E quando mancano altri elementi che sostengono la squadra, risulta inevitabile che i giovani trovino difficoltà. Ne abbiamo parlato nelle scorse settimane e oggi ne abbiamo avuto la dimostrazione.

La Roma di quest’anno in campionato è pertanto una barzelletta, una roba da fare fare il sangue amaro ai tifosi e spingere a contestazioni inevitabili. Il tecnico è un grosso responsabile, fermo restando che la società non avrebbe mai dovuto vendere la colonna portante senza acquistare validi sostituti. Di Francesco eviti inoltre di scaricare le colpe sui pur colpevolissimi calciatori. Non basta mettere la squadra in campo, ma bisogna saper lavorare anche sull’aspetto mentale e di gestione del gruppo.

Questa di oggi è una vergogna senza precedenti e i colpevoli sono tanti. Di certo il tecnico ha una grande fetta di responsabilità!