Juve, quali sono i punti deboli?

Abbiamo parlato a più riprese del calciomercato portato avanti da Paratici per la Juventus. Il dirigente bianconero ha portato avanti colpi volti a ringiovanire la rosa, scegliendo allo stesso tempo profili internazionali tra i migliori nei ruoli. Le difficoltà nelle cessioni stanno ostacolando il lavoro di rifinitura. Troppi calciatori e impossibilità, pertanto, di concludere gli ultimi colpi senza cessioni.

Venendo invece alla rosa in sé possiamo osservare che alcuni reparti hanno grandissime eccellenze, ma mancano un paio di titolari fondamentali.
Szscesny è un portiere che dà garanzie e sicurezze ed è piano piano diventato un punto di forza. De Ligt e Demiral sono gli eredi perfetti di Bonucci e Chiellini e nel gioco di Sarri vanno a nozze. Un osservatore superficiale bolla De Ligt per le difficoltà iniziali, dimenticando che l’assimilazione del gioco di Sarri necessita di tanto tempo, a maggior ragione per un elemento arrivato da un campionato e un sistema di gioco molto diversi.
Sulle fasce invece i problemi ci sono. Se da un lato Alex Sandro è un terzino di livello mondiale, se in forma, Danilo è una scommessa, in quanto a Madrid e Manchester ha commesso tanti errori, rimanendo lontano dai livelli del Porto. De Sciglio, per quanto potesse piacere ad Allegri, non è un giocatore da squadra che ambisce a grandi traguardi in Europa. Un terzino destro di livello superiore sarebbe servito assolutamente. Su Cancelo abbiamo già detto la nostra: ottimo calciatore, ma troppo offensivo per il gioco di Sarri, considerando che il tecnico tosco-napoletano ha sempre impiegato terzini destri più difensivi.
A centrocampo è mancata la ciliegina sulla torta, ma Rabiot e Ramsey rafforzano notevolmente il reparto. Il francese garantisce freschezza, fisicità e qualità, mentre il gallese è l’elemento perfetto sulla trequarti. Reparto che, nonostante non abbia il fenomeno (almeno per ora) è di primissimo livello.
In attacco le mancate uscite hanno creato grossi problemi alla Juve. Higuain è un calciatore in netta fase calante a livello fisico e non dà garanzie. Dybala è stato messo fuori dal progetto da parte della società Juve, non prendiamoci in giro. Sarri lo reputa ideale per il suo gioco, ma l’argentino deve decidere cosa fare da grande. Bernardeschi è un esterno che in Champions ha fatto molto bene. Douglas Costa lascia dubbi fisici, ma se in forma sa essere devastante. Cristiano Ronaldo è un valore più che aggiunto, assolutamente imprescindibile e che non mostra segni di cedimento. Il portoghese ha fatto già fronte ad alcune mancanze dei compagni.
Il bomber servirebbe assolutamente proprio per dare alternative tattiche. Higuain non è più quello di due anni fa, ragion per cui servirebbe un altro attaccante. Il mercato va avanti e solo liberando le slot la Juve potrà acquistare…
Banner 300 X 250 – Lieto – Post
Potrebbe piacerti anche