Gleison Bremer è un centrale brasiliano arrivato al Torino nel 2018. Dopo un periodo di adattamento, con poche presenze all’arrivo, il ragazzo si è affermato come titolare dal 2019/2020. Già lo scorso anno, nonostante la stagione tribolata dei Granata, era spiccato nella difesa granata.

Con l’arrivo di Juric, che ha messo su un impianto difensivo notevole, l’ex Atlético Mineiro è letteralmente esploso. La sua media voto è elevatissima e ha anche realizzato due reti. Lo scorso anno le reti sono state cinque.

Quest’anno Bremer primeggia in varie speciali classifiche. Il difensore del Toro è primo in Serie A per intercetti (48), per duelli vinti (91), per duelli aerei vinti (50) e per palloni recuperati (105).

Facendo leva su un fisico molto strutturato e su una velocità rilevante, il ragazzo non ha remore nell’affrontare gli attaccanti più temibili. Si ricordano duelli bellissimi con Osimhen e con gli attaccanti della Juve. La difesa a tre lo favorisce palesemente, ma è anche in grado di disimpegnarsi bene in uno schieramento a quattro.

Il Toro lo ha scoperto e se lo gode. Grazie al suo centrale, la squadra di Juric sta perseguendo l’obiettivo di insediarsi nella parte sinistra della classifica. Notevole il fatto che il Toro sia la seconda miglior difesa del campionato, dopo il Napoli e prima di Juve e Roma.

Bremer è una sicurezza nel marcare alto, viste le doti di potenza e velocità, ed è particolarmente bravo nelle chiusure. Tutte caratteristiche affinate con il duro lavoro ed emerse grazie a una personalità spiccata. Certamente sarà al centro del mercato la prossima estate. Il Toro lo pagò 5,8 milioni nel 2018. Chi lo vorrà dovrà sborsare cifre varie volte superiori. Ad ogni modo, con Cairo al timone, la piazza granata è rassegnata a perdere uno dei migliori gioielli degli ultimi 10 anni.