• Tempo di lettura:2Minuti

Va in scena a Bergamo il ritorno dei quarti di finale di Champions League. La partita di Lipsia è finita in parità quindi ora entrambe le squadre dovranno sfoderare una prestazione di qualità per raggiungere la semifinale contro la vincente tra Rangers e Braga.

Primo tempo

Inizia il match e i padroni di casa partono forte. Malinovskyi serve Zappacosta in area, ma Gulacsi non si fa trovare impreparato parando il tiro. L’Atalanta sembra essere in possesso della partita, ma al Lipsia basta un contropiede fulminante per ribaltare la situazione. Una copertura sbagliata e grossolana da parte dei difensori neroazzurri lascia Nkuku a tu per tu con Musso. E’ 1-0 per i tedeschi. Nonostante questo goal il ritmo della partita non è incessante ed entrambe le squadre sono attente. L’Atalanta prova a ribaltare lo svantaggio, ma nemmeno le azioni offensive di Koopmeiners e Zapata riescono a sbloccare la Dea. Il primo tempo finisce 0-1.

Secondo tempo

L’inizio della ripresa si apre con non poche polemiche da parte dei giocatori atalantini. Su calcio di punizione per la Dea, Dani Olmo tocca il pallone con la mano. Dopo un lungo passaggio al VAR l’arbitro decide che non è rigore, lasciando attoniti giocatori e tifosi. Come nel primo tempo i giocatori preferiscono manovrare l’azione piuttosto che giocare con un ritmo incessante. Forti del risultato positivo i giocatori del Lipsia, tra le proteste del Gewiss sold-out, prendono tempo tra rimesse lente e riprese dopo i falli indolenti. E’ Hateboer che ha tra i piedi la palla del pareggio, ma fallisce colpevole anche una trattenuta. Sul fronte Lipsia Nkuku è scatenato e si fa vedere più volte pericoloso in area avversaria. E’ proprio lui che segna il definitivo 2-0 sul rigore procurato dall’uscita sbagliata di Musso. Il portiere atalantino per la seconda volta in sole due settimane condanna la Dea con un’uscita inopportuna. Nemmeno l’entrata in campo di Luis Muriel riesce a risollevare l’Atalanta e la partita termina 0-2.

L’Atalanta vede interrotto il suo cammino europeo. Una sconfitta amara per Gasperini e i suoi ragazzi che dovranno fare i conti con una stagione dal tono fallimentare. I tifosi però hanno confortato i loro giocatori nonostante la delusione palpabile restando vicini alla propria squadra. Domenico Tedesco gioisce e porta il suo Lipsia in una storica semifinale di Europa League grazie alla doppietta del suo pupillo Nkuku.