Il ritorno dei sedicesimi di finale dell’Europa League tra Arsenal e Benfica è stato avvincente. Ad avere la meglio sono stati gli uomini di Artera grazie a un gol negli ultimi minuti, convalidato dal VAR.

La partita d’andata si è conclusa con il risultato di 1-1. In questa partita di ritorno che si gioca allo stadio Georgios Karaiskakis del Pireo di Atene. Le due squadre nei primi venti minuti si sono studiate senza creare occasioni rilevanti. Al 20′ l’Arsenal sblocca la partita con un bella azione di Saka, che lancia Aubameyang che un volta in area supera Leite con un pallonetto e trova il gol dell’1-0 per i Gunners.

L’Arsenal ci prova al 24° con Ceballos da fuori area, ma il tiro termina largo sulla sinistra. Al 34° il Benfica ha una grossa occasione con Vertoghen, che salta di testa sugli sviluppi di una punizione di Diogo, ma la sua zuccata termina alta.

La punizione di Diogo


Saka al 42° ha una ghiotta occasione per raddoppiare, e dopo essere entrato in area calcia di prima intenzione, ma il tiro viene deviato da Helton Leite. Al 44′ il Benfica trova il pareggio con una bellissima punizione di Diogo Gonçalves, il cui tiro termina sotto l’incrocio dei pali. Nel secondo tempo l’Arsenal trova il vantaggio con il solito Aubameyang, ma l’arbitro annulla per un fuorigioco millimetrico dell’attaccante ispano-gabonese.

Al 63′ a sorpresa passa in vantaggio, su un rilancio di Leite Ceballos nel tentativo di passare il pallone a Leno, si fa rubare il pallone da Silva che si invola in area, e dopo aver superato Leno deposita il pallone nella porta lasciata vuota. L’Arsenal reagisce e pareggia al 67° con Tierney, che riceve palla da Willian e una volta in area fa partire un diagonale potente che si infila nell’angolo destro della porta di Helton Leite.

Un pareggio che accende il finale di partita, con le due squadre che giocano alla morte per segnare il gol della vittoria. Il Benfica ci prova con Darwin Nunez con un tiro da fuori area, conclusione che termina a lato.

L’Arsenal risponde con Saka, ma il suo diagonale termina fuori. L’Arsenal pressa e all’87° trova il gol del vantaggio, Saka si libera del suo marcatore con due finte, crossa al centro e trova Aubameyang che salta di testa e infila il pallone in porta per il gol del 3-2. Siamo sul filo dei centimetri e il VAR è in azione per verificare la regolarità della rete. Gol poi convalidato.

C’è tempo per un ultimo brivido con Gabriel del Benfica che salta di testa nell’ultimo assalto, ma il pallone termina sul palo a Leno battuto. Viene segnalato l’offside, ma se la palla fosse entrata, il VAR avrebbe dovuto verificare le linee. Il fischio finale dell’arbitro sancisce la vittoria dei Gunners che si qualificano per gli Ottavi di finale dell’Europa League.

Una sfida equilibrata tra nobili decadute. Il Benfica si è reso protagonista di un sussulto in una stagione altamente negativa, con grossa incidenza del covid. L’Arsenal, dal canto suo, ha avuto più difficoltà del previsto a superare una squadra menomata dalle assenze. Solo la conquista del trofeo darebbe un senso a una stagione finora altamente deludente.