• Tempo di lettura:2Minuti

Nonostante la vittoria contro il Genoa, il futuro di Eusebio Di Francesco alla Roma è oramai appeso a un filo. L’ambiente non sta prendendo affatto bene il gioco mostrato in questa stagione, con sconfitte e punti persi contro avversari di gran lunga inferiore. In più, il presidente James Pallotta non ha più fiducia in Di Francesco oramai da mesi.

Di Francesco deve la sua permanenza in giallorosso solo al DS spagnolo Monchi, il quale gli ha sempre confermato la fiducia e non ha mai avuto intenzione di esonerarlo. Il mercato è stato fatto in sinergia tra DS e tecnico e, a riguardo, c’è stata comunione di intenti.

Il vertice con Pallotta ha invece mostrato la volontà del presidente americano di prevaricare il DS, agendo d’ufficio. La partita contro la Juventus sarà lo spartiacque e peggior avversario non sarebbe potuto arrivare.

La Roma è pertanto chiamata a cacciare grinta e orgoglio contro un avversario assolutamente fuori portata e di molte spanne sopra, non tanto in termini di valori assoluti ma proprio per il momento che sta attraversando la squadra.

La società ha già trovato l’accordo con Paulo Sousa per i prossimi sei mesi, con opzione per continuare il matrimonio anche la prossima stagione.

Il tutto è subordinato ovviamente alla partita contro la Juve. In caso di risultato positivo Di Francesco salverebbe la panchina, altrimenti sarebbe sollevato dall’incarico.

Giacomo Cappellin