• Tempo di lettura:2Minuti

È passato ormai un anno dall’acquisto di Coutinho da parte del Barcellona, il terzo più caro della storia del calcio, ma nonostante il grande avvio nell’ultimo periodo il calciatore brasiliano vede poco il campo. Sembra incredibile considerando la folle cifra sborsata dai Blaugrana per prelevarlo dal Liverpool, ma dietro l’esclusione del fantasista ci sono motivi tattici evidenti.

Coutinho fu acquistato essenzialmente per colmare quel vuoto che in estate ha lasciato Iniesta, ma col tempo Valverde si è accorto che l’idea non era delle migliori. Utilizzare l’ex Liverpool come mezz’ala di centrocampo infatti scopriva troppo i suoi, che a inizio stagione hanno subito una marea di reti a causa di un atteggiamento troppo offensivo. Considerando anche i due terzini di spinta in difesa rimaneva insieme ai centrali il solo Busquets, costretto a ricoprire con scarso successo ampissime porzioni di campo.

Così l’ex allenatore dell’Athletic Bilbao ha deciso di optare per uno schema più equilibrato, utilizzando Coutinho come ala sinistra in un 4-4-1-1 dove la stella brasiliana è tornato ad essere quel giocatore che tutti conoscevamo. Ma allora come è possibile che nonostante il ritorno a prestazioni sopra la media in questo momento parte sempre dalla panchina?. Il motivo è solo uno e si chiama Ousmane Dembèlè.

L’ex Borussia Dortmund, dopo il gol del pareggio contro l’Atletico Madrid, ha pian piano scalato le gerarchie ottenendo la maglia di titolare in più di un’occasione. A peggiorare la situazione di Coutinho ci ha pensato anche un infortunio più serio del previsto arrivato nel suo periodo migliore. Al momento del rientro è apparso piuttosto fuori forma nonostante alcune reti comunque poco decisive e le sue prestazione negative hanno costretto Valverde a preferirgli Dembèlè, che invece sta vivendo il miglior momento da quando veste la maglia Blaugrana. 

Il francese riesce a dare quell’equilibrio che invece Coutinho non riesce a garantire, dato che è meno abituato a giocare come ala in un centrocampo a quattro rispetto al compagno che invece è un’ala purissima. Una loro convivenza sembra impossibile al momento e per questo se il brasiliano vuole riottenere il posto può solo sperare in un calo da parte di Dembèlè o di Suarez, cosa che però al momento vediamo alquanto difficile.

 

Gianluca Imparato.