• Tempo di lettura:4Minuti

L’Inter perde 2-0 in casa contro il Sassuolo e fallisce il sorpasso sul Milan in classifica. Brusca frenata per i nerazzurri che nel primo tempo hanno sofferto l’intraprendenza e l’aggressività del Sassuolo che hanno dominato i nerazzurri sul piano del gioco e dell’intensità. Reazione d’orgoglio nella ripresa dell’Inter che spinge arrembante a testa bassa ma senza trovare la via della rete. L’Inter ha pagato tantissimo l’assenza di Marcelo Brozovic a centrocampo. Grande prova degli uomini di Dionisi con Traorè, Berardi e Raspadori superlativi.

Nell’Inter Simone Inzaghi lascia in panchina Edin Dzeko e si affida alla coppia d’attacco formata da Lautaro Martinez e Sanchez. Sulle corsie esterne Darmian e Perisic mentre Dimarco e Gagliardini prendono il posto degli squalificati Bastoni e Brozovic. Dionisi risponde con un 4-2-3-1 con Frattesi e Maxime Lopez in mezzo, Berardi, Raspadori e Traorè alle spalle di Scamacca. Subito pressione altissima del Sassuolo che produce la prima occasione da gol con Traorè, dopo una bella accelerazione di Raspadori: conclusione sul primo palo e la palla che esce fuori di poco. All’8 minuto, palla persa da Calhanoglu a centrocampo, Maxime Lopez lancia Raspadori per vie centrali, grande conclusione dell’attaccante neroverde e palla che termina alle spalle di Handanovic per l’1-0 del Sassuolo. Inter in difficoltà anche in virtù dell’aggressività del Sassuolo con Scamacca e Raspadori che vanno a pressare il primo portatore di palla nerazzurro. Prova a scuotersi ed aumentare i giri del motore la formazione di Simone Inzaghi. Ci prova Calhanoglu con un potente sinistro dal limite dell’area che termina di poco a lato alla sinistra di Consigli e poco dopo Sanchez che tira centralmente dopo una bella verticalizzazione di Gagliardini. Nel momento in cui l’Inter sembrava aver preso le misure al Sassuolo, arriva il raddoppio della squadra di Dionisi. Gran recupero palla a centrocampo e scarico a Traorè che crossa dalla corsia di sinistra per Scamacca che sbuca alla spalle di Dimarco e batte con un gran colpo di testa Handanovic. Risponde l’Inter con Skriniar che sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina colpisce di testa trovando la risposta di Consigli a mano aperta e con un bel tiro rasoterra dal limite dell’area da parte di Gagliardini: Consigli si distende sulla sua destra respingendo il pallone. Ma è il Sassuolo che va ad un passo dal tris con un bel sinistro a giro di Berardi che si stampa sulla traversa.

Simone Inzaghi cerca di correre ai ripari e ad inizio ripresa fa entrare Dumfries e Dzeko al posto di Darmian e Gagliardini. Dionisi sostituisce Ayhan con Ruan. L’Inter con il tridente in campo, carica a testa bassa. Prova la squadra nerazzurra a sfondare sulle corsie esterne ma il Sassuolo si difende con ordine. Al 59′ ghiotta occasione per l’Inter per accorciare: grande verticalizzazione di Perisic per Dzeko che sfugge a Chiriches e si presenta a tu per tu con Consigli che respinge il tiro del bosniaco. Poco dopo miracolo di Consigli che con un gran tuffo salva la porta del Sassuolo su colpo di testa di Dzeko. Saltano gli schemi a San Siro. Ripartenza del Sassuolo con Berardi che riceve da Traorè in area di rigore: conclusione con il destro che termina però sul fondo. Ancora Dzeko protagonista con un colpo di tacco che non gli riesce su assist di Dumfries. Nel Sassuolo fuori Frattesi e Scamacca, dentro Henrique e Defrel. Al 73′ clamorosa occasione fallita da Lautaro Martinez che su cross di Perisic mette incredibilmente sul fondo. Un minuto dopo risponde il Sassuolo con Raspadori che servito da Maxime Lopez calcia in diagonale con il pallone che termina a lato di un soffio. Fuori Calhanoglu dentro Vidal nell’Inter, fuori Traorè dentro Harruoi nel Sassuolo. Doppia occasione del Sassuolo per andare sul 3-0. Su due ripartenze, prima Skriniar salva sulla linea una conclusione di Raspadori e poi Berardi con una conclusione a giro mette di pochissimo a lato. Al 94′ annullato un gol a De Vrij per fallo di mano di Dimarco su rinvio di Maxime Lopez. Finisce 2-0 per il Sassuolo.