Tanto rumore per nulla: la UEFA e la Superlega si sono abbaiate contro per un buon mesetto, per poi ripiegare su un nulla di fatto.

Ceferin, già alle prese con la bufera che lo ha investito dopo aver “costretto” la Danimarca a prendere una decisione per non perdere a tavolino, come denunciato dal suo commissario tecnico, ha perso la battaglia contro Juventus, il Barcellona e il Real Madrid.

È di pochi minuti fa, infatti, la comunicazione da parte della UEFA ai tre club, nella quale vengono autorizzati a poter disputare regolarmente la Champions League 21/22, regolarmente conquistata sul campo.

Dopo aver ritirato i procedimenti di infrazione a seguito del monito del tribunale di Ginevra, la massima istituzione europea ha dunque capito di non aver spazio di manovra nei confronti delle “secessioniste”. Pertanto Juve, Barcellona e Real Madrid saranno regolarmente iscritte alla massima competizione europea per club.