• Tempo di lettura:2Minuti

Rivoluzionato il format della Champions League dalla stagione ’24-’25. Un solo girone, 36 squadre e 64 partite in più.

Austria– Ieri a Vienna la Uefa ha deciso: sì a un nuovo format della Champions League. Il comitato esecutivo della Uefa vuole spingere per un format che preveda più partite, in modo da aumentare gli introiti dei diritti televisivi. Dalla stagione ’24-’25 infatti il numero di squadre partecipanti passerà da 32 a 36. Due dei quattro posti in più verranno assegnati ai campionati che si sono distinti maggiormente, per via dei piazzamenti, nelle coppe europee. Per intenderci, ad oggi Inghilterra ed Olanda avrebbero un accesso diretto alla Champions in più. Inoltre saranno 8 e non più 6 le partite che ogni squadra giocherà nei gironi.

Gironi– È la prima fase che viene ritoccata maggiormente. Non più 8 gironi, ma bensì un unico girone composto da tutte e 36 le squadre. Le prime 8 passeranno ai quarti, mentre le squadre classificate dal nono al ventiquattresimo posto giocheranno dei playoff. Altre 8 squadre usciranno dai playoff per finire in Europa League. In totale 10 settimane impegneranno le coppe europee, e in due queste si giocherà solo Uefa e Conference League. Con il passaggio a 8 partite per squadra sono 64 le partite giocate in più nei gironi, per un totale di 160 partite.

Il comunicato– Il presidente della Uefa Ceferin ha dichiarato: “Oggi, la UEFA ha dimostrato chiaramente di impegnarsi al massimo per rispettare i valori fondamentali dello sport e difendere del principio di apertura delle competizioni, con qualificazioni basate sul merito sportivo: questo è pienamente in linea con i valori e il modello sportivo europeo basato sulla solidarietà. Le decisioni di oggi concludono un lungo processo di consultazione durante il quale abbiamo ascoltato le idee di tifosi, giocatori, allenatori, federazioni, club e leghe, con l’obiettivo di trovare la migliore soluzione per la crescita e il successo del calcio europeo per nazionali e per club.