• Tempo di lettura:2Minuti

Thomas Tuchel è intervenuto con una frase sibillina sulla delicatissima situazione del Chelsea. Il governo britannico è intervenuto a gamba tesa su Abramovich e di conseguenza il destino dei Blues, campioni d’Europa e del Mondo in carica sembra appeso ad un sottile filo:

“Confido in tutti coloro che sono in carica nel governo per trovare una soluzione che ci faccia andare avanti per tutta la stagione e ci dia la possibilità di essere responsabili delle nostre azioni in l’estate”.

Il tecnico potrebbe decidere di lasciare la squadra inglese a fine stagione ed è già accostato a moltissime big. Il Chelsea, a causa del blocco dei beni a nome di Roman Abramovich, non potrà fare mercato e “arricchire” in nessun modo il magnate russo. Una decisione che per il momento bloccherebbe il mercato in entrata ma soprattutto in uscita della squadra londinese, che si troverebbe privata dei parametri zero. L’aria di incertezza regna sovrana nei pressi dello Stamford Bridge, con la società colpita già al cuore dalla rinuncia alla sponsorizzazione della TRE; che ha già rescisso la sua partnership con effetto immediato.

Alcuni calciatori con il contratto in scadenza, come ad esempio Christensen, hanno già trovato un accordo con altre squadre, mentre altri potrebbero rimanere imprigionati dal loro contratto pur volendo lasciare il club. E’ il caso di Lukaku, che in rotta con la società e con il tecnico, si stava già guardando altrove ben prima delle “restrizioni” imposte al Chelsea e al suo ex presidente. Tuchel stesso, con una squadra fortemente ridimensionata, avrebbe molte richieste e potrebbe decidere di lasciare la squadra a giugno, rescindendo anticipatamente il contratto che lo lega ai Blues. Il suo nome aleggia dalle parti di Manchester ma non solo; sono molte le big che farebbero carte false pur di avvalersi della sua guida tecnica.

Seguici anche su Per Sempre News!