• Tempo di lettura:2Minuti

Unai Emery è abituato alle partite da dentro e fuori e soprattutto con una squadra molto meno blasonata dell’avversario di turno. Lo è stato al Siviglia, lo ha dimostrato nella scorsa Europa League battendo il Manchester United e in questa stagione in Champions League. Il Villareal è una squadra abbastanza rognosa che non ti lascia giocare e palleggiare. Gli esterni avversari vengono sempre ingabbiati dai mediani spagnoli e Parejo riesce sempre a trovarsi al posto giusto nel momento giusto. Unai Emery, come ha riportato TuttoSport, ha analizzato la delicata sfida alla Juventus valevole per il ritorno di Champions League: “c’è anche la Juventus tra le candidate a vincere la Champions League, per la loro storia e per quello che rappresentano, ma domani noi ci vogliamo provare. Abbiamo dimostrato di saper reagire e andremo a Torino con la voglia e la consapevolezza di poterci ritagliare un ruolo da protagonisti. Senza il vantaggio dei gol in trasferta, c’è possibilità che le gare vadano più spesso ai supplementari. Loro sono favoriti, in casa, davanti ai loro tifosi ma noi vogliamo farcela. La Juventus vince più che pareggiare, e non perde quasi mai soprattutto hanno una grande difesa. Hanno individualità che possono fare la differenza. Hanno Alex Sandro e Cuadrado che hanno capacità di attaccare sugli esterni e arrivano in area con tanti giocatori, da Locatelli a Rabiot fino ad Arthur che è un giocatore che sa toccare il pallone. Dobbiamo prepararci e tra le nostre armi domani dovrà esserci anche la difesa. Dovremo tenere il pallone, loro vorranno vincere per tutti i 90′”.