• Tempo di lettura:2Minuti

La partita tra Arsenal e Tottenham è stata spettacolare in campo. Abbiamo assistito a un match avvincente, ci siamo divertiti e la Premier ha ancora una volta dimostrato di essere il campionato più spettacolare al mondo.

Un brutto episodio ha macchiato però questa giornata di sport. Un tifoso del Tottenham ha lanciato una buccia di banana a Pierre-Emerick Aubameyang dopo che il gabonese ha esultato per un gol. Il pessimo gesto è stato ripreso dalle telecamere, le quali hanno ripreso l’accaduto. La polizia ha poi proceduto all’arresto dell’autore di questo ignobile gesto razzista.

Oltre al tifoso macchiatosi del gesto razzista, sono stati poi condotti in arresto altri sei soggetti per disordini di diverso tipo.

Nel 2012 un tifoso del Liverpool fu arrestato per dei gesti razzisti nei confronti di Patrice Evra.

Ancora una volta il sistema inglese dimostra di funzionare benissimo e che i razzisti vengono stanati senza alcun problema. Diverso è purtroppo il discorso in Italia, dove la folle norma della responsabilità oggettiva la fa da padrone, mentre i responsabili rimangono troppe volte impuniti.

Dopo aver debellato il fenomeno degli Hooligans gli inglesi sanno tenere facilmente a bada situazioni come questa. Purtroppo in Italia non siamo assolutamente preparati e la mentalità imperante non aiuta. Tra razzismo per il colore della pelle e discriminazione territoriale la Serie a continua a fare figure molto poco edificanti. E parte dell’opinione pubblica minimizza, “derubricando” il razzismo a goliardia.

Bisognerebbe invece chiamare certe cose per il loro nome. Con i giusti mezzi e leggi ad hoc sarebbe facilissimo stangare i criminali che provengono dal sottobosco della società e inquinano i nostri stadi. E quasi ogni settimana dobbiamo assistere a cori, striscioni vergognosi e tante altre cose ignobili e vomitevoli, mentre Oltremanica stanno anni luce avanti.

Poi non lamentiamoci se il contratto dei diritti TV frutta loro somme tre volte maggiori…