L’esperienza nella scorsa stagione sulla panchina della Juventus ha inserito Pirlo tra i tecnici che, seppur disoccupato per il mancato rinnovo del contratto che lo legava alla Juventus, sono entrati tra i tecnici in grado di guidare una squadra che abbia ambizioni.

Il Parma potrebbe essere una possibile destinazione in caso di esonero di Enzo Maresca, ma il suo nome è stato associato diverse settimane fa al Barcellona dove siede un altro tecnico la cui panchina traballa un giorno e l’altro pure.

Dunque realistica una possibile panchina professionistica; il Parma partito con ambizioni di ritornare immediatamente in Serie A in questo inizio di stagione sta alternando un rendimento altalenante.

Il campione del mondo del 2006, l’ultimo forse di una generazione di registi dal piede magico, è pronto per tornare in panchina ma dovrà fare i conti con altri due ex campioni e colleghi, ovvero Gattuso e Cannavaro che ha lasciato la Cina, mentre l’ex tecnico del Napoli dopo la separazione consensuale con la Fiorentina ad inizio stagione in pieno mercato estivo, è in attesa di una sistemazione.

Da giocatore Pirlo ha vinto tutto tra scudetti con Milan e Juventus e Champions ottenute entrambe con la squadra rossonera ed il Mondiale del 2006 e gli Europei under 21 nel 2000 oltre a vari piazzamenti.

Da allenatore, nella sua unica esperienza, vince una Supercoppa di Lega e la Coppa Italia e ottiene il piazzamento in Champions grazie al quarto posto ottenuto la scorsa stagione all’ultimo respiro.

Dunque una lotta possibile tra tre campioni del mondo che andrebbero ad incontrare di nuovo Buffon, da quest’anno tornato al Parma, la squadra che lo aveva lanciato.