• Tempo di lettura:2Minuti

Matthijs De Ligt ha il proprio contratto con la Juve in scadenza nel 2024. Il campione olandese, arrivato nel 2019, percepisce 8 milioni di parte fissa più bonus. Bonus che, con il raggiungimento di tutti gli obiettivi, porterebbero l’emolumento totale a 12 milioni.

Il calciatore non ha fatto mistero di essere scontento della situazione attuale della Juve, non avendo digerito i due quarti posti consecutivi. Stante questa situazione, la questione rinnovo è in fase di stallo. La Juve gli ha offerto il prolungamento dell’accordo, fino al 2026, alle stesse cifre attuali.

Non è tanto un problema di cifre quanto di progetto. Naturalmente un ulteriore aumento della parte fissa potrebbe convincere il giocatore. La Juve non sembra volersi spingere più di tanto. Chelsea e Manchester United sono spettatori interessati. Spettatori fino a un certo punto. La clausola di 120 milioni sembra esorbitante ma per un club inglese di vertice nulla è impossibile.

Se non ci fosse stata l’occasione Koundé, con ogni probabilità De Ligt già sarebbe in viaggio verso l’Inghilterra. Il francese del Siviglia ha una clausola di 90 milioni. Il Chelsea sta valutando. Eppure i Blues sono ancora impelagati nella vicenda del cambio di proprietà.

Lo United, al contrario, si è già messo in moto. Ten Hag vuole ricostruire a Manchester lo zoccolo duro dell’Ajax formato da De Ligt, De Jong e anche Van De Beek. Quest’ultimo sta per tornare dal prestito all’Everton, in scadenza il 30 giugno.

I bianconeri hanno già fatto la propria mossa. Ora sta al calciatore scegliere. Se De Ligt forzerà la cessione, allora l’addio sarà uno scenario più che concreto. In caso contrario dipenderà dalle offerte delle varie società. I bianconeri non scendono sotto i 90 milioni di euro.

Juve che non è interessata a Timo Werner, che percepisce tra l’altro circa 12 milioni di euro a stagione. Servirà pertanto un’offerta cash. Fermo restando la possibilità che uno dei due club inglesi paghi la clausola. Con Skriniar che sta per salutare l’Inter per trasferirsi a Parigi, i difensori appetibili dai top club esteri sono pochi.

Ultima, ma non meno importante, è la problematica legata al sostituto. Kalidou Koulibaly è il sogno. Il senegalese sembra essere troppo legato a Napoli per dire sì alla Vecchia Signora, ma nel calciomercato mai dire mai. Le alternative non sarebbero di primissima fascia. Obiettivi chiari sono Nikola Milenkovic della Fiorentina e Gabriel Magalhães dell’Arsenal.