• Tempo di lettura:3Minuti

Xherdan Shaqiri ha rilasciato da poche ore dichiarazioni molto interessanti per i tifosi biancocelesti. Attraverso un’intervista al Corriere dello Sport infatti ha riservato parole al miele per la Lazio, i suoi tifosi e per tutto il calcio italiano in generale. La ricerca di Tare per degli esterni abili nel 4-3-3 di Maurizio Sarri si infittisce sempre di più, e sicuramente nel mese di agosto arriveranno ufficialità decisive.

A quanto pare il fuoriclasse svizzero è comunque alla ricerca di nuovi stimoli, e di maggiore fiducia sul campo. Questo è quello che dichiara Shaqiri, prima di affermare che il Liverpool prenderà in seria considerazione le offerte dei vari.

“L’importante in questo momento della mia carriera è poter giocare regolarmente, ma non è sempre stato così nelle ultime tre stagioni. Ho detto al Liverpool che mi sento pronto per una nuova sfida: hanno accettato la mia richiesta e valuteranno le offerte”

Ancora non si conoscono ufficialmente i nomi dei Club seriamente interessati, ma l’ex Inter del Mancini-bis ha dichiarato come sia intrigato dal progetto della Lazio e di Sarri.

“La Lazio? Non ho conversazioni dirette, il mio team di consulenti si occupa di mercato. Mi informano quando ci sono club interessati: bisogna chiedere a loro. Tare da anni sta facendo un ottimo lavoro alla Lazio: se è vero che ha una grande stima nei miei confronti ne sono onorato. Seguo la Lazio da tanto tempo, è un top club. Giocare per Sarri sarebbe intrigante”

Sarri è un allenatore che saprebbe sfruttare al meglio le caratteristiche di Shaqiri. Brevilineo, forte fisicamente, rapido e soprattutto ottima finalizzazione potrebbero essere la chiave vincente per una Lazio subito competitiva, fin dal primo anno con il Comandante in panchina. Certo è che il calciatore ha già ventinove anni, ed è già entrato in una fase discendente della sua carriera. La prima pista resta sicuramente quella di Brandt per l’esterno, anche se il tedesco preferisce il piede destro, e ama giocare molto sulla trequarti. Shaqiri invece, sinistro naturale, potrebbe colmare la lacuna nella zona del campo in cui la Lazio deficita maggiormente.

Lo svizzero ha una valutazione di 12 milioni, Brandt parte dai 20. Nel secondo caso la trattativa per la Lazio (già avviata) è certamente più difficile, ma anche su Shaqiri si butteranno tanti nomi di Club importanti. Di lavoro sul mercato ce n’è da fare ancora molto per la società e per Tare, occorrerà anche qualche nome per il centrocampo. Intanto comunque Sarri resta intrigato dalle grandi prestazioni di Moro e Romero; e chissà se la Lazio non dovesse riuscire a completare la rosa per questa sessione di mercato verrà veramente data dopo tanti anni fiducia ai giovani a Formello.

Seguiteci anche su www.persemprenews.it