Dopo l’annuncio dell’addio di Sergio Ramos al Milan, su Twitter sta impazzando l’hashtag #maldiniportaciramos. I tifosi del Milan sognano l’approdo in rossonero del centrale spagnolo. Sogno alimentato dalla partecipazione dei rossoneri alla Champions.

Sergio Ramos ha percepito nell’ultima annata uno stipendio di 11,7 milioni di euro a stagione. Cifre chiaramente fuori dalla portata di qualsiasi squadra italiana in questo momento.

Prima dell’addio di Donnarumma, il monte ingaggi del Milan era di circa 90 milioni di euro. Tuttavia, con l’arrivo di Maignan e i prossimi rinnovi di alcuni calciatori chiave, la cifra sarà più o meno simile. Il Decreto Crescita è stato salvato, pertanto, qualora Sergio Ramos accettasse 10 milioni di euro a stagione, il Milan ne sborserebbe circa 13 al lordo. Con questo Decreto, una società paga di imposte poco meno di un terzo del netto.

Con la qualificazione in Champions, il Milan potrebbe portare il monte ingaggi a 100 milioni, ma 13 milioni di incidenza per un solo giocatore sono tanti. La società farà valutazioni in merito. Nell’ultima stagione Ramos è stato ai box per tantissime partite. Con 35 anni e una serie di infortuni infinita l’ultimo anno, l’oramai ex Real non dà garanzie fisiche. Non per nulla non parteciperà agli Europei.

Per contro, la società potrebbe valutare anche i benefici. La leadership nello spogliatoio, l’esperienza internazionale e la pericolosità in zona gol sono elementi che potrebbero far pendere l’ago della bilancia in favore di un acquisto di Sergio Ramos.

Qualora la valutazione rischio/beneficio sia positiva, la palla passerebbe al calciatore. Vorrà continuare in un club già pronto per vincere la Champions? Oppure, affascinato dalla storia del Milan e dall’eventuale chiamata di Maldini, opterà per i rossoneri?

L’operazione sarebbe economicamente fattibile, visto anche che il Milan si è liberato dell’ingaggio di Donnarumma. Dipenderà tuttavia dalla scelta della società e, soprattutto, da quella del calciatore.