• Tempo di lettura:2Minuti

Il mercato cambia radicalmente: una volta un giocatore di una provinciale lo pagavi “la cifra giusta” ora invece, Barella qualsiasi (ottimo giocatore, sottolineo) lo vai a pagare 45-50 mln, un Kouamé (ottimo prospetto) 25 mln. Pertanto, basta essere un under 23 e disputare 10 partite bene per valere cifre stellari. A questo punto, acquistare bene a gennaio può risultare proibitivo.

A quanto ho capito, la Roma prenderà un giocatore in prestito con diritto di riscatto anche perché il club capitolino non ha la certezza di arrivare al quarto posto e non si possono ipotecare soldi quando non si ha certezza di quello che si intascherà.

Il tifoso medio pensa che la società giallorossa possa spendere tesoretti e abbia i conti in ordine, ma non è così. I tifosi sono portati a effettuare tal ragionamento magari pensando che se il Napoli può spendere 30 mln, lo possa fare anche la Roma, ma non è così.

Le milanesi non se la passano tanto meglio: l’Inter dovrà raggiungere il pareggio di bilancio entro il 30 giugno, ragion per cui sta chiudendo alcune operazioni a parametro zero, per poi cedere un big (non necessariamente un uomo chiave, ma un titolare) che faccia quadrare i conti societari.

Il Milan ha comprato Paquetà anticipando l’incasso potenziale di André Silva. In attesa di capire cosa uscirà fuori dal ricorso per il settlement agreement potrà operare solo in prestito con diritto di riscatto.

Lazio e Napoli hanno i conti a posto, ma solo gli azzurri stanno facendo investimenti di un certo spessore, che però fanno intravedere una grossa cessione in estate. L’abilità del Napoli è quella di cedere solo un pezzo pregiato e di non sbagliare acquisti a livello economico. L’errore tecnico è stato già fatto, ma il costo è stato sempre recuperato. Basti pensare che Maksimovic è stato titolare in Champions, il suo cartellino è mano mano ammortato e, vista la vetrina avuta, un’eventuale sua cessione porterebbe a una plusvalenza.

In tutto questo, la Juventus è l’unica società che può investire senza dover avere troppi pensieri e potenzierà ancor più una squadra stellare, puntando su alcuni giovani profili. I bianconeri hanno un fatturato in linea con quello dei top club europei, ragion per cui possono permettersi di dare anche 10 milioni lordi a Ramsey. Questo dopo aver sborsato cifre folli di ingaggio per CR7, somme comunque copribili da un fatturato elevatissimo.

 

Giacomo Cappellin