Mancano poche ore alla fine del calciomercato e la squadra di Maurizio Sarri non è ancora al completo. All’appello mancano un esterno sinistro ed un difensore centrale. Il nome caldo ormai da mesi è quello di Filip Kostic attualmente all’Eintracht di Francoforte, con il quale la Lazio sta cecando di definire l’accordo. Con il giocatore invece è tutto pronto ormai da settimane, ciò che blocca l’affare però è la situazione di Kamenovic.

Essendo entrambi extracomunitari non possono essere tesserati insieme, ma c’è posto per uno solo. Ovviamente la Lazio spera di piazzare il terzino nelle prossime ore, nonostante faccia muro e voglia rimanere a giocarsi le sue carte a Roma. Per lui si stanno muovendo alcune squadre. Defilatosi il Genoa (sta ultimando gli arrivi di Caicedo e Fares), ci sono stati dei contatti con Genk e Standard Liegi

Il Piano B però si chiama Mattia Zaccagni. Non un esterno puro ma darebbe la possibilità a Sarri di cambiare modulo senza o problemi, passando dal 4-3-3 al 4-3-1-2. Nelle prossime ore ci saranno sicuramente degli sviluppi. Il telefono di Igli Tare è bollente con tanti esuberi da piazzare nelle poche ore che rimangono.

Uno di questi è certamente Denis Vavro, lo sloveno non rientra nei piani del mister e quindi è in cerca di sistemazione. Soprattuto per lasciare il posto ad un nuovo innesto necessario a causa dei guai fisici che stanno tormentando Luiz Felipe in questo periodo. Il profilo è quindi quello di un difensore di piede destro, dato che di mancini ci sono già Acerbi e Radu. Su Vavro invece si era trovata una intesa di massima con l’Almeria, destinazione non gradita però dal difensore che non vorrebbe giocare in serie inferiori.

Manca poco alla fine del calciomercato ed anche se Sarri continua a dirsi non interessato, si aspetta ancora alcuni tasselli per completare il suo mosaico e dare inizio al suo sarrismo.