• Tempo di lettura:2Minuti

La situazione Milinkovic-Savic è sempre in divenire. La scorsa stagione vi sono stati interessi ma nessun affondo concreto. Qualcuno aveva inventato di sana pianta notizie sul Milan. I rossoneri avevano manifestato interesse, ma non è stata imbastita alcuna trattativa.

Claudio Lotito ha parlato della situazione del serbo: Noi abbiamo creato una casa di vetro e capito che non si possono obbligare le persone a svolgere il proprio ruolo in un ambiente in cui si sentono strette. Non è il caso di Sergej. Lui ha dimostrato grande affetto, responsabilità, serietà. Dipenderà dagli eventi e non dalla società. Lo scorso anno son riuscito a respingere gli assalti, quest’anno si potrebbe proporre un problema di rispetto se il giocatore dovesse prospettare una soluzione diversa”.

Il punto è che finora non sono arrivate offerte vere e proprie. Siamo nella seconda parte di luglio e Pogba non si è ancora mosso da Manchester, nonostante sia il calciatore sia Raiola si siano esposti. Milinkovic-Savic sarebbe il sostituto naturale del francese, ma finora non è arrivata alcuna offerta a Lotito.

Dalle parole del patron della Lazio traspare che il serbo non è incedibile, ma è scorretto affermare che la Lazio ha affisso il cartello “vendesi”. Lotito chiede sempre un centinaio di milioni e non è disposto a rivedere di troppo questa cifra verso il basso. La “soluzione diversa” di cui parla Lotito deve, appunto, ancora prospettarsi. Il PSG aveva effettuato un tentativo, ma le cifre erano troppo basse rispetto a quanto richiesto dal presidente della Lazio.

In Italia l’unica società che potrebbe permettersi Milinkovic-Savic è la Juventus, ma finora i bianconeri non hanno mostrato interesse. All’estero ci sono United e PSG. Gli inglesi devono prima cedere Pogba (ammesso che vada via), visto il ruolo molto simile, mentre stanno stringendo per Bruno Fernandes, centrocampista con caratteristiche diverse.

Il calciomercato è lungo. Ci sta che la Lazio pensi finalmente a fare cassa con il serbo, per poi avere a disposizione un’ingente somma per il calciomercato, ma devono arrivare offerte ritenute congrue dalla società. La situazione è assolutamente nebulosa e può succedere di tutto, compresa una permanenza che, fino a qualche settimana fa, sembrava uno scenario totalmente irrealistico.