• Tempo di lettura:2Minuti

Un affare frenato in partenza? Così Maurizio Arrivabene ha voluto placare sulle voci di mercato che vedono Martial in bianconero. L’Ad della Juventus, intervenuto nel prepartita della sfida di Coppa Italia contro la Sampdoria, ha voluto chiarire la posizione del club sull’attaccante del Manchester United. Ecco le sue parole ai microfoni di Mediaset:

“A quelle cifre non è un’opzione possibile. Non aspettiamo mosse da parte di nessuno, a certe cifre non se ne parla”

Poche e semplici parole per far capire ai tifosi juventini che il mercato di gennaio non sarà così stratosferico: questa sessione invernale impone delle regole su eventuali arrivi. Infatti a Torino possono arrivare solo giocatori in prestito senza obbligo di riscatto. Una batosta per i sostenitori che aspettano di capire cosa succederà al reparto offensivo a disposizione di Massimiliano Allegri: Alvaro Morata è rimasto per mancanza di un sostituto, Chiesa è out fino alla fine del campionato e Dybala rimane comunque un’incognita. Come riporta Calciomercato.com, la Juventus attende di capire se ci sarà un’apertura da parte del Paris Saint-Germain per il prestito senza obbligo di riscatto per Icardi. Da valutare anche le opzioni Aubameyang, Azmoun e Maxi Gomez.

Lo United può decidere su Martial

Di certo, Arrivabene non ha chiuso completamente le porte a Martial: quel “A certe cifre non se ne parla” conferma come i contatti fra Juventus e Martial siano iniziati e che possa nascere una trattativa. Con lo staff del centravanti c’è intesa, manca solo l’accordo con il Manchester United: le richieste sono quella della copertura totale dell’ingaggio, si tratta di 7,5 milioni, e un conguaglio per il prestito oneroso da circa 5 milioni in vista di un possibile riscatto. Avendo un contratto in scadenza nel 2024, i Red Devils possono aprire alla formula del diritto e non dell’obbligo. Ma alla Juventus questo non va bene e il bisogno di un attaccante cresce giorno dopo giorno.