• Tempo di lettura:4Minuti

Oggi 12 gennaio 2022 torna la Supercoppa italiana. A sfidarsi saranno l’Inter e la Juventus, come nel 2005, ma quella volta si giocò a Torino.

Era il 14 giugno 1989 quando al Meazza di Milano andò n scena la prima partita della Supercoppa Italiana. I campioni d’Italia del Milan ospitarono i vincitori della Coppa Italia, la Sampdoria.

Nonostante l’inziale vantaggio blucerchiato per merito di Gianluca Vialli, i rossoneri si ripresero immediatamente e riuscirono a vincere 3-1 la gara aggiudicandosi il primo ambito trofeo.

Da qui in poi sarà solo storia.

L’anno successivo è ancora la Samp a presentarsi come detentrice della Coppa Italia e nuovamente viene sconfitta, questa volta dall’Inter sempre al Meazza di Milano, per 2-0. A segno Enrico Cucchi e Aldo Serena.

Nel 1993 avviene per la prima volta un cambio per la competizione: non si gioca in Italia, bensì negli Stati uniti d’America. La scelta ricadde sul Robert Fitzgerald Kennedy Memorial Stadium di Washington D.C., la capitale degli USA. La sfida vide da una parte il Milan alla ricerca della sua seconda Supercoppa e dall’altra il Parma fresco di Coppa Italia.

Vantaggio rossonero con Marcel van Basten al 14’, pareggio su rigore di Alessandro Melli al 45’ e rete finale di Daniele Massaro al 70’. Il Milan si aggiudica la prima Supercoppa giocata all’estero.

La Supercoppa si continuerà a giocare nel bel paese fino al 2001, anno in cui a vincerla fu la Roma di mister Fabio Capello con capitan Francesco Totti per 3-0 contro la Fiorentina all’Olimpico della capitale.

L’anno dopo si torna all’estero, stavolta a Tripoli, in Libia, allo stadio 11 Giugno.

La Juventus di mister Marcello Lippi batte il Parma di Claudio Cesare Prandelli per 2-1 grazie alla doppietta di Alessandro Del Piero e il momentaneo pareggio parmense di Marco Di Vaio.

Anche nel 2003 si va all’estero e si torna negli USA. Juventus e Milan se la giocano al Giant Stadium di East Rutherford, nel New Jersey. I 90 minuti dicono 0-0 e negli extra-times accade di tutto: al secondo minuto di recupero del primo dei due tempi supplementari rigore siglato da Andrea Pirlo e un minuto dopo pareggio di David Trézéguet. 1-1. Si va ai rigori. Fatale il terzo rigore del Milan con Cristian Brocchi. Nonostante il successivo rigore messo a segno da Alessandro Nesta, è la Juve a vincere e a portarsi a casa la sua quarta Supercoppa Italiana.

Dal 2004 al 2008 si giocherà sempre al San Siro di Milano, fatta eccezione per il 2005 al Delle Alpi di Torino.

Nel 2009 si vola in Asia, più precisamente a Pechino, capitale della Cina e lo si farà anche negli anni 2011 e 2012.

Dopo una breve parentesi a Roma nel 2013, è la volta del Qatar con la capitale Doha, dove a vincere è il Napoli sulla Juve ai calci di rigore.

Il 2015 rivede nuovamente la Cina come paese ospitante, ma non più Pechino, bensì Shanghai. Con la sfida Juventus-Lazio terminata per 3-0 in favore dei bianconeri.

Il 2016 rivede la Supercoppa essere sollevata a Doha, stavolta dal Milan ai danni della Juve e nel 2017 la Lazio vince a Roma per 2-3 riprendendosi la rivincita sulla Juve.

Il 2018 e il 2019 vedono come palcoscenico l’Arabia Saudita. Prima con Gedda e poi con Riad. Nella prima edizione la gara vede come risultato finale Juventus-Milan 1-0, nella seconda Juventus-Lazio 1-3.

Per l’edizione del 2020 si torna in Italia, in una nuova città: Reggio Emilia. La Juventus vince 2-0 sul Napoli grazie ai gol di Ronaldo e Morata.

E si arriva dunque ad oggi con Inter-Juventus. Dopo 9 edizioni consecutive in cui a presentarsi come campione dello scudetto era la Juventus, ora i bianconeri si presentano solo come vincitori della Coppa Italia e sarà la Scala del Calcio a decidere quale delle due compagini premiare nella gelida serata di mercoledì 12 gennaio 2022.

Se la Juve dovesse vincere otterrebbe un primato unico: 10 Supercoppe Italiane, mentre per l’Inter potrebbe essere la serata della Supercoppa numero 6.

L’albo d’oro del trofeo recita attualmente questi numeri: Juventus 9, Milan 7, Inter e Lazio 5, Roma e Napoli 2, Sampdoria, Parma e Fiorentina 1.

Il Torino e il Vicenza sono le uniche finaliste a non essere mai riuscite a vincere il trofeo quando si era presentata loro l’occasione. Nel 1993 per i granata e nel 1997 per i biancorossi.

Seguici anche su www.persemprenews.it