• Tempo di lettura:2Minuti

Una volata in macchina prima della fatidica e ovvia domanda di un giornalista su Lukaku: Marotta, senza usare la diplomazia ha risposto con un perentorio “arriva stasera”. Il dirigente dell’Inter ha confermato dunque che per “Big Rom” ed il suo ritorno in nerazzurro non ci sono più ostacoli e che non si dovrà neanche attendere.

Il belga arriverà in serata a Milano (a meno di un clamoroso scherzo di Marotta) e sosterrà le visite mediche domani per riunirsi alla squadra che, appena un anno fa, ha trascinato alla vittoria dello Scudetto sotto la guida di Antonio Conte. L’Inter resta la squadra più attiva sul mercato in entrata dato che Lukaku va a sommarsi a Mkhitaryan, ma anche in uscita dove Skriniar sembra destinato ad essere il “sacrificio” per compensare il ritorno del centravanti e avere anche un tesoretto da reinvestire.

Beppe Marotta

Lukaku ha voluto fortissimamente l’Inter che, apertasi l’opportunità di ragionare con la nuova dirigenza del Chelsea, non ha esitato a riportare a Milano un centravanti che, per caratura internazionale, sposta decisamente i valori e gli equilibri della nostra Serie A a favore dei nerazzurri. Il belga, come ben noto, arriverà in prestito secco, senza diritto o obbligo di riscatto, dopo una stagione a fari spenti nei Blues di Tuchel. La voglia da parte del gigante di ricomporre la coppia con Lautaro e togliersi di dosso la malinconia accumulata in un anno indecifrabile giocato in Inghilterra è tanta. Resta da vedere se anche Inzaghi, come fu con Conte, deciderà di improntare il suo modo di giocare sul belga.