• Tempo di lettura:2Minuti

Una partita che non aveva messo in conto oppure si: Simone Inzaghi agguanta i quarti di finale di Coppa Italia solo nei tempi supplementari. L’Inter, dopo una gara sofferta tra le mura di San Siro, riesce a superare l’Empoli di Andreazzoli solo grazie a un gol di Stefano Sensi. Una serata particolare per il numero 12, con le valigie pronte alla volta di Genova per vestire la maglia della Sampdoria. Il centrocampista, subentrato a Lautaro Martinez, segna il gol decisivo del 3-2 contro i toscani al 104′. Staccato il pass al prossimo turno di Coppa Simone Inzaghi, che la voce ce l’ha ancora, ha parlato ai microfoni di Sport Mediaset, lasciando uno spiraglio proprio a Sensi:

“Stefano si meritava una serata così, non ha avuto tanto spazio ma si è sempre allenato alla grande. Finché avrà questa maglia lo considererò sempre perché ha grande qualità, quindi è normale che abbia tante richieste. Ma se vuole rimanere qui io lo tengo volentieri, poi lui deve fare scelte e valutazioni da ragazzo intelligente quale è. Me lo tengo stretto finché ha la maglia dell’Inter”.

Sensi, cosa fare con la Sampdoria?

Con le sue parole, Simone Inzaghi ha fatto capire che Sensi sarebbe un’ottima alternativa qualora l’infortunio di Correa si rivelasse più grave del previsto. L’argentino è dovuto uscire subito dal campo dopo un problema al flessore e sembra essere abbastanza grave come problema. L’accordo con la Sampdoria però c’è ed è quello del prestito secco fino a fine stagione. Il centrocampista ha anche avuto più contatti con il nuovo tecnico Giampaolo che lo ha convinto ad andare a Genova per finire la stagione da titolare. Con la maglia blucerchiata poi potrebbe arrivare anche l’occasione di indossare quella azzurra per i prossimi playoff. Ora sta tutto nelle mani di Stefano Sensi: decidere se rimanere ad Appiano Gentile oppure partire alla volta di Genova.