• Tempo di lettura:2Minuti

La Serie A, dopo il crack sfiorato di Haaland e dopo la sfortunata esperienza di Jens Petter Hauge al Milan, sta virando verso i paesi Scandinavi. L’arrivo di Ceide al Sassuolo potrebbe essere il primo di una lunga serie di approdi dai Campionati di quella zona nordica d’Europa. Da qualche anno la Scandinavia sta facendo crescere diversi giovani under 23 anni abbastanza appetibili. La Norvegia ad esempio ha un bacino di giovani molto interessanti, anche se il campionato non è di livello, i giovani possono affermarsi nelle varie Coppe Europee minori. Uno di questi talenti è Solbakken, giocatore del Bodo Glimt.

Il Verona starebbe infatti pensando di intavolare una trattativa per l’esterno offensivo della squadra norvegese. Il giocatore ha giocato in questa stagione tutte le partite in Conference League realizzando 4 gol (di cui 3 alla Roma tra andata e ritorno nella fase a gironi) e in 4 partite in campionato ha già realizzato una rete. Il punto forte di Solbakken sono gli assist: l’anno scorso in 60 partite ufficiali (tra campionato e coppe varie) ha realizzato 14 assist e 13 gol. E’ molto simile a Ceide, ma a differenza del suo futuro compagno di Nazionale, Solbakken è più cinico sotto porta. Ha una valutazione di 5 milioni di euro e il Verona potrebbe (dopo aver riscattato Simeone) prelevare i fondi necessari dalle cessioni di molti scontenti e magari anche dalla cessione di alcuni giocatori che Tudor non ritiene più utili.