• Tempo di lettura:2Minuti

Guardiola alla Juve non si farà, secondo Alberto Galassi, membro del CDA del Manchester United, sguinzagliato da qualcuno ieri su Sky. Oggi l’avvocato italiano ha ribadito lo stesso discorso al programma radiofonico Tutti Convocati.

Questo il suo commento: “Non parlo a titolo personale, ma a nome del club. Non c’è la volontà di Guardiola di andare alla Juventus e ci sono due anni di contratto. Sarebbe ridicolo se il Manchester City non fosse al corrente di una presentazione di Guardiola alla Juve già fissata. Mi è stato chiesto di prendere una posizione ufficiale e l’ho fatto, sorrido per queste cose, ma noi oggi, con questo intervento, non aggiungiamo più alto sulla questione. Guardiola è seccato perchè nessuno gli crede. È una persona seria, non gli piace non venire creduto quando parla. Rispettiamo la Juventus, vedremo chi sarà il loro prossimo allenatore“.

Ci sono vari aspetti che non quadrano.

In primo luogo, perché nessun comunicato ufficiale da parte del Manchester City? Perché parla un semplice membro del CDA? Per le smentite è prassi che venga emessa una nota ufficiale da parte del club del tesserato in questione.

In secondo luogo, l’unico messaggio del City è stato un tweet nel quale riporta i titoli dei giornali che parlano di un interessamento per Cancelo. E se il portoghese fosse il passepartout per liberare Guardiola?

In terzo luogo, perché la Juve non si è espressa? Sappiamo benissimo la situazione e abbiamo parlato dell’all-in da parte di Andrea Agnelli, con Guardiola che ha già dato il suo sì da tempo.

Un altro ragionamento da fare è quello sulla posizione di Galassi nei confronti della Juve. Ieri elogiava i bianconeri, mentre oggi parla di speculazioni. Chiaro segno che il City è irritato perché la Juve ha questo accordo con Guardiola e sta tentando di fare muro. Lo avevamo detto che un club così poderoso non può permettersi di perdere il suo tecnico a cuor leggero.

A questo punto si attende la exit strategy da parte dei Citizens. Ribadiamo che non ci sentiamo di dare l’affare per fatto, ma Guardiola ha scelto la Juve e, quando c’è la volontà, risulta molto difficile bloccare un affare, anche utilizzando i muscoli…