Pierluigi Gollini sembra destinato a dire addio all’Atalanta. Su di lui sembrerebbe infatti esserci il Tottenham, che con poche mosse è riuscito ad accaparrarsi l’interesse del giocatore.

La formula d’acquisto sembrerebbe essere quella di prestito con diritto di riscatto. Quest’ultimo diverrebbe obbligo sono nel caso in cui il giocatore raggiungesse un numero di presenze che le due società devono ancora stabilire. Il prezzo sembra comunque esser stato fissato, e le società dovrebbero aver raggiunto un’intesa. Dai 15 ai 20 milioni costerà quest’operazione agli Spurs, con l’Atalanta che raggiungerebbe una plusvalenza di almeno 12 milioni. Il ragazzo era arrivato tra le fila neroazzurre nel lontano 2017 dall’Aston Villa, per un prezzo di quasi 4 milioni e mezzo.

Pierluigi Gollini vanta dunque di una grande esperienza in Premier, essendo cresciuto oltre che nelle giovanili di Spal e Fiorentina anche nella cantera U-19 del Manchester United.

Gollini, il sostituto e le parole di Percassi

Praticamente tutti danno oramai per scontato il ritorno in Premier del ragazzo, ma Percassi è ancora cauto.

“So solo che Gollini è un giocatore molto importante. In chiusura con il Tottenham? Ci sono varie ipotesi che stiamo affrontando, al momento non c’è nulla di definitivo se non ipotesi molto concrete”

Percassi a Sky Sport

Certo è che ci sono buonissimi motivi per dare per scontata la partenza di Gollini, e uno degli indizi principali può essere rappresentato dall’arrivo di Musso dall’Udinese. Su di lui il CEO dell’Atalanta ha rilasciato queste dichiarazioni.

“C’è stata questa opportunità, ogni anno cerchiamo di portare giocatori che pensiamo possano essere utili alla causa e lui era stato identificato come un ragazzo con queste caratteristiche”

L’estremo difensore argentino è invece arrivato a Bergamo per il prezzo di 20 milioni, garantendo quindi all’Udinese (che lo aveva acquistato dal Racing Club in Argentina) una plusvalenza di 16 milioni.

Al ragazzo dunque è garantito un grande salto di qualità verso una Premier League che attira sempre di più, mentre all’Atalanta resta sempre garantita una grande sicurezza tra i pali con il giovane argentino classe ’94. Pare che manchino gli ultimi dettagli da limare fra le società e poi la notizia ufficiale, si attendono comunque ulteriori sviluppi.