• Tempo di lettura:2Minuti

Con l’arrivo di Haaland, Gabriel Jesus lascerà il Manchester City questa estate. Su di lui due squadre di Serie A, ma occhio alle inglesi.

Profilo– Quando venne acquistato dal Palmeiras nel gennaio del 2017, il Manchester City si aspettava che Gabriel Jesus diventasse uno dei migliori attaccanti del mondo. Ma dopo 5 stagioni il brasiliano lascia i Citizens. Aspettative mai realizzate per lui, che a 25 anni si ritrova a dover lasciare il posto da titolare a Haaland. Per quanto abbia avuto un apporto importante, 8 gol e 8 assist in 21 partite di campionato, non è mai stato un elemento indispensabile nella rosa di Guardiola. In diverse occasioni è stato schierato Foden come punta centrale, o De Bruyne come falso nove.

Qualità– Alto 1 metro e 75, Gabriel Jesus abbina velocità e agilità. Le sue caratteristiche lo renderebbero più conforme al campionato italiano, dove può spaccare in due una partita con i suoi scatti e la sua buona finalizzazione. Giovane e adattabile in ogni zona d’attacco: per quanto preferisca agire come 9, può giocare come trequartista, ala sinistra e ala destra.

Juve o Milan?– Su di lui si è fiondata per prima la Juventus. Per quanto il contratto di Gabriel scada nel 2023, il City vuole comunque far plusvalenza e non cederà il brasiliano per meno di 60 milioni di euro. Un altro problema è il monte ingaggi: attualmente percepisce 6 milioni più bonus. Nonostante ciò la Vecchia Signora è intenzionata a comprarselo. Ma a mettere i bastoni tra le ruote c’è il Milan: la nuova società intenzionata ad acquistarlo, RedBird, punta gli occhi su Gabriel Jesus. Come detto la Serie A sarebbe un buon terreno per le sue caratteristiche, una buona meta per rilanciare la sua carriera.

Inghilterra– Occhio però alle offerte provenienti direttamente dall’Inghilterra. Arsenal e Tottenham sono anche loro interessati al giocatore. Tante scelte e tante offerte per il brasiliano, anche se la Serie A è il campionato che, a livello economico, può soddisfarlo di meno. D’altronde però proprio in Italia può rinnovarsi.