Dopo l’ingaggio di José Mourinho, la Roma è chiamata a un calciomercato reso complesso dalla pandemia e dagli esuberi.

I giallorossi si stanno guardando intorno e dovranno intervenire in più ruoli. La rosa ha dimostrato di essere inadeguata per competere in più competizioni. Servono pertanto interventi corposi.

La società giallorossa cerca acquirenti per Pau Lopez. Il portiere spagnolo non ha mai convinto particolarmente. Mourinho vuole un titolare, che sarà preso.

La Roma proverà quindi a chiedere Gianluigi Donnarumma al PSG. Il sodalizio francese ha proceduto a ingaggiare l’estremo difensore italiano a parametro zero.

A tal riguardo non è stato deciso nulla. Innanzitutto va definita la questione allenatore. Qualora rimanga Pochettino sarà il tecnico argentino a decidere la questione portiere. È impensabile che Donnarumma accetti di fare il secondo. Keylor Navas è il portiere del presente, ma il tecnico dovrà fare la valutazione.

Ammesso che il portiere della nazionale italiana venga ceduto in prestito, non è affatto detto che si accasi alla Roma. Su di lui ci sono vari club europei e, naturalmente, pensa l’ingaggio elevatissimo.

Il PSG potrebbe anche accettare di contribuire all’ingaggio, ma è impensabile che un club come la Roma si spinga fino a 6 o 9 netti. Vale a dire la metà o i tre quarti dell’ingaggio di Donnarumma. Ipotesi Roma che resta pertanto difficilissima. Quella del prestito in sé non è da scartare, ma valuterà il tecnico.