• Tempo di lettura:2Minuti

L’Inter è alla disperata ricerca di un attaccante per inizio campionato. Per domenica non saranno disponibili né Lautaro né Sanchez, mentre si attende l’ufficializzazione di Dzeko. Quest’ultima sarà data una volta risolte le pendenze con la Roma per quanto riguarda lo stipendio di luglio.

La società nerazzurra dovrebbe prendere due attaccanti, una prima e una seconda punta. Simone Inzaghi vuole ritrovare Joaquin Correa ad ogni costo. Claudio Lotito chiede 30 milioni più bonus. Il presidente biancoceleste tiene duro. In questa situazione nessuno ha il coltello dalla parte del manico.

La Lazio deve cedere in modo da poter fare mercato (e ufficializzare i colpi). L’Inter deve affrettarsi per poter dare a Inzaghi gli attaccanti per inizio campionato. E, allo stesso tempo, i nerazzurri non possono svenarsi, vista la condizione economica e la necessità di acquistare un altro attaccante.

Dzeko, vista l’età, non garantirebbe 50 partite in stagione ai massimi livelli. Correa è una seconda punta. Si tratta di un giocatore in grado di segnare 10 gol a campionato. E Dzeko, 35 anni, non potrebbe garantire uno score molto superiore.

Inzaghi ha scelto Correa perché ne conosce qualità e potenziale. Classe ’94, il Tucumano ha tutto per imporsi e crescere ulteriormente. A questo punto resta da vedere se i nerazzurri procederebbero all’acquisto di un’altra punta di livello a completare il reparto. Fatto sta che, a differenza di Zapata, per Correa sono già state lanciate basi.

La trattativa sta andando avanti su un terreno solido. Un terreno su cui, tuttavia, Claudio Lotito deve dettare le condizioni. In secondo luogo, c’è l’accordo totale tra la società nerazzurra e l’argentino. Resta da trovare la quadra economica. Finora non c’è stato l’allungo decisivo ma le parti si riaggiorneranno oggi. Se Marotta offrirà alla Lazio 30 milioni più bonus facilmente raggiungibili, il Tucumano sarà un calciatore dell’Inter la prossima settimana.