• Tempo di lettura:2Minuti

C’è un calciatore svedese, di nome Zlatan Ibrahimovic, sparito dai radar del calcio europeo da un anno e mezzo. Il ragazzo non è di primo pelo (compirà presto 38 anni) ma segna ancora gol a raffica. L’MLS non sarà un campionato top, ma chi segue le partita dei LA Galaxy nota che Ibra è ancora in ottime condizioni fisiche.

Ibrahimovic guadagna 7,2 milioni di dollari l’anno, pertanto una cifra perfettamente alla portata dei club europei a cui servirebbe.

In molti stanno storcendo il naso, affermando che Ibra è finito e potrebbe giocare solo gli ultimi minuti. Non sarà il giocatore devastante di qualche anno fa, ma è ancora dominatore di testa, ha sempre un tiro precisissimo e regala giocate di altissima scuola.

Ibrahimovic non sarebbe un colpo di marketing, ma un acquisto importante a livello tecnico, che migliorerebbe il valore della squadra che lo prenderà. Alcune società italiane sono in difficoltà con la punta, ragion per cui Ibra potrebbe risolvere tanti problemi.

Siamo sicuri che Ibra sia meno conveniente di Dzeko? “Vecchio” per vecchio, lo svedese ha un carisma pazzesco. Lukaku potrà dare maggiori garanzie fisiche, ma costa un occhio della testa.

Per non parlare della sua utilità in un Napoli, dove nell’idea di Ancelotti un centravanti da alternare o far giocare assieme a Milik calzerebbe a pennello.

La Roma dovrebbe perdere Dzeko e ha Schick che non è un bomber. Ibra dà meno garanzie fisiche di un appesantito Higuain?

E, infine, anche un Milan potrebbe averne bisogno, in quanto lo svedese sarebbe il calciatore ideale per alternarsi con Piatek. Nel gioco di Giampaolo serve una seconda punta che svaria. Ibra non copre la porzione di campo che copriva prima, ma Piatek ha dimostrato di essere un attaccante che si muove moltissimo ai lati.

Pertanto, uno come Zlatan Ibrahimovic, in condizioni splendide nonostante sia un classe ’81, potrebbe servire a tutte le compagini nostrane. Trattative per ora non ce ne sono ma, viste le difficoltà nel reperire centravanti a condizioni favorevoli, un pensierino per Ibra sarebbe più che lecito…