• Tempo di lettura:2Minuti

Dragowski sempre più lontano da Firenze. Da qualche giorno il procuratore del giocatore sta riempendo le pagine dei principali quotidiani fiorentini a causa della proposta di contratto. L’agente del portiere vorrebbe rinnovare raddoppiando l’ingaggio del suo assistito e soprattutto vorrebbe che il polacco giocasse titolare e non solo nelle partite di Coppa Italia. Un fulmine che ha ingigantito la situazione in casa viola, anche se i rapporti tra Dragowski e la Fiorentina erano molto tesi da qualche mese. Terracciano si è dimostrato più autorevole del suo compagno di squadra, e Italiano in questo vede più il portiere azzurro più affidabile di Dragowski. Per questi motivi una cessione da parte del portiere polacco non è così lontana. Sul giocatore, secondo le indiscrezioni de La Nazione ci sarebbero: Napoli (scambio con Meret anche lui chiuso), Inter (come possibile opzione dopo il ritiro di Handanovic).

Foto Twitter account ufficiale calciomercato.com

Per la prossima stagione Joe Barone starebbe pensando di prendere dal Cagliari il portiere Cragno. Qualche mese fa, il sito Violanews ha pubblicato questa indiscrezione del procuratore del portiere sardo:Alessio Cragno è di Fiesole e tifoso della Fiorentina. Al netto di questo occorre mantenere il massimo rispetto verso il Cagliari. E’ un club importante, ambizioso con tanta voglia di far bene. Quindi bisogna sempre parlare con il beneficio dell’inventario in questo momento. Per ora si tratta solo di chiacchiere, altrimenti si rischia di fare confusione. Ovviamente se si accosta la Fiorentina al nome di Alessio Cragno, si tocca il sentimento sportivo di un ragazzo e della sua famiglia“.

Per questo motivo, la Fiorentina potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di prelevare Cragno la prossima stagione e cedere Dragovski. Al Cagliari con l’esplosione di Vicario all’Empoli, potrebbe far a meno di Cragno e puntare sul classe 1996. Cragno ha una valutazione di 10 milioni di euro e la Fiorentina potrebbe aspettare la fine della stagione per sferrare l’attacco decisivo.