• Tempo di lettura:2Minuti

Il Pisa è alla ricerca di un centravanti per completare il proprio reparto offensivo. Dopo aver sondato il polacco Adam Buksa dei New England Revolution ed Ercan Kara del Rapid Vienna, le attenzioni delle dirigenza nerazzurra si sono concentrate su Ernesto Torregrossa, attaccante in forza alla Sampdoria. Torregrossa, schierato nella gara di Coppa Italia persa dai blucerchiati in casa della Juventus, ha trovato poco spazio in blucerchiato dopo l’addio al Brescia in cui fece benissimo in Serie B con 41 gol segnati e 24 assist in 128 partite. Il compito di Torregrossa in caso di passaggio in nerazzurro sarebbe quello di affiancare Lorenzo Lucca portando a Pisa esperienza, gol, e voglia di riscatto.

Attaccante classe 1992, cresce nelle giovanili del Nissa prima di passare all’Udinese e successivamente al Verona. Con gli scaligeri esordisce in prima squadra il 28 novembre 2010. Negli anni seguenti gira diverse squadre tra cui Siracusa, Monza, Como e Lumezzane. Il vero salto di qualità arriva tra il 2014 e 2015 a Crotone con cui disputa 35 partite in Serie B con 8 gol e 6 assist. Arriva a Brescai nel 2016 e qui diventa l’idolo assoluto della squadra formando con Donnarumma una coppia temibilissima. Torregrossa è una prima punta dalle grandi doti tecniche e fisiche (alto 1 metro e 84 cm) e fa della rapidità e del colpo di testa le sue armi migliori. Dotato di un ottimo sinistro, ama giocare al centro dell’attacco ma può ricoprire anche i ruoli di esterno offensivo sia di sinistra che di destra.

La trattativa tra Pisa e Sampdoria sarebbe giunta alle battute finali e nelle prossime ore dovrebbe avvenire l’incontro decisivo tra le parti per siglare l’accordo. Il trasferimento dovrebbe concretizzarsi sulla base di un prestito oneroso con obbligo di riscatto. Il Pisa, primo in classifica, punta deciso alla Serie A e Torregrossa sarebbe l’elemento perfetto per integrare una rosa già altamente competitiva.