Calciomercato Milan, il primo acquisto è il giovane Mike Maignan. Scopriamo chi è il giovane portiere del Lille e della Nazionale francese.

Sono già in corso le visite mediche a Milanello per il giovane francese. Dopo le richieste opinabili (per il Milan) di Gigio Donnarumma e del suo procuratore Mino Raiola i rossoneri concludono in poco tempo un acquisto che farà discutere. Inevitabile pensare che questa acquisizione non possa gettare acqua su un fuoco oramai fuori controllo come la “Situazione Donnarumma”, rischiando peraltro di sortire l’effetto opposto in termini di media.

Mike Maignan: chi è, la sua storia e la sua (breve) carriera.

Infanzia difficile la sua, come quella di molti ragazzi che come lui hanno trovato una chiave di uscita nel calcio. Nasce il 3 luglio 1995 a Cayenne, gemellata con la brasiliana Salvador de Bahia e capoluogo della Guyana francese (regione ultraperiferica dell’Europa situata nell’America Meridionale). La madre è di origini haitiane; il padre, mai conosciuto, francese di nascita.

Solo in un territorio confinante e gemellato con il brasile poteva nascere un ragazzo che tutti chiamano già “Il Nuovo Dida”. I tifosi del Milan sono già in visibilio per lui, ma la sua carriera da calciatore è piuttosto singolare. Nasce come centrocampista ma Ramon Damiano, uno dei suoi primi allenatori, decide di spostarlo qualche metro più indietro, sulla linea di porta a difendere i pali. Ruolo che tutt’ora pare ricoprire egregiamente. Grandi riflessi ed agilità che gli consentono di essere tempestivo in uscita e gran pararigori sono le caratteristiche che lo hanno reso noto al grande pubblico e alla dirigenza del Milan, che abilmente ha saputo acciuffare l’occasione.

Cresce e si sviluppa nelle giovanili del PSG in Francia, stessa squadra con la quale firma il suo primo contatto da professionista nel 2013. Il suo primo esordio avviene con la maglia del Lille nel 2015, rompendo il contratto con i parigini un anno prima della data stabilita. Entra al posto dell’espulso Vincent Enyeama, timidamente si piazza tra i pali della sua porta e dopo qualche minuto para anche un rigore a Ntep. Non male come presentazione, considerato che farà lo stesso nella partita successiva, questa volta ai danni di David N’Gog. Termina la sua stagione prematuramente e dopo quattro incontri a causa di un infortunio alla spalla, ma dal 2017 in poi diventa titolare fisso. Da qui in poi si farà notare anche dalla sua Nazionale debuttando nel 2019 (dopo aver fatto parte di tutte le selezioni giovanili) e conquistando un posto come convocato per Euro2020.

Con il Lille ha vinto due giorni fa il titolo in Francia, ora firma con il Milan alla ricerca della precoce consacrazione.

Le cifre dell’accordo

Come riporta l’account di Domenico La Marca su Facebook questa operazione potrebbe essere più intelligente di quanto non si possa credere. Facendo il confronto con Donnarumma il Milan risparmierebbe ben 80 milioni.

Il prezzo del cartellino sarebbe di 18 milioni, più 15 di ingaggio (che potrebbero arrivare a 24 lordi con ilo Decreto Crescita) in cinque anni. Mentre il gioiello Azzurro arriverebbe a 12 milioni (che per cinque anni farebbero 120 lordi).

Non male come primo colpo di calciomercato dunque per il Milan, bisognerà solo vedere come può svilupparsi la “Situazione Donnarumma”.