Serata amara per il Borussia Dortmund che dice addio alla Champions League. La sconfitta con lo Sporting Lisbona premia i portoghesi, sarà Europa League per Reus e compagni.

I tedeschi privi di Haaland e Hazard mancano di cattiveria, non dimostrando mai di voler vincere la partita. Malen prova a sostituire il compagno di reparto, ma il suo gol nel finale è buono solo per le statistiche. Il risultato è un 3-1 che sa di disfatta. Queste le parole di Rose a fine gara:

“Il calcio è sempre leale e lo Sporting si è meritato questo risultato. Sono riusciti a farci male in ripartenza, hanno attaccato e difeso bene. Conta poco il fatto che abbiamo avuto più possesso noi. Lo Sporting ha meritato questo risultato”

Il mancato passaggio del girone, allontana sempre di più Haaland dai giallo-neri. Il suo processo di maturazione è stato compiuto e da ultimo arrivato se ne andrà come il più forte della rosa. Ha necessità di competere ad alti livelli in ogni ambito, cosa che a Dortmund non possono permettergli. Ecco perché per tentare di farlo rimanere almeno un altro anno gli è stato proposto il rinnovo di contratto. Proposti 16 mln a fronte degli 8 percepiti attualmente. A patto che, la clausola da 75 mln scatti nel 2023.

Questa mossa potrebbe far vacillare le scelte del giocatore, ma non di certo quelle di Real Madrid e Psg. È destinato ad andare in un top club assoluto, etichettato insieme a Mbappe come il dopo Messi&Ronaldo. Per vedere un’altra sfida così bisognerà aspettare molti anni, quel che è certo però è che Haaland avrà un futuro da campione, fuori dalla Germania. Ma in Liga, Psg o Premier League. E se deciderà di accettare il rinnovo sarà solo per posticipare l’addio di un anno.